La carenza di farmaci in Europa: cosa sappiamo delle scarse forniture di farmaci, dall’amoxicillina al paracetamolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La carenza di farmaci in Europa: cosa sappiamo delle scarse forniture di farmaci, dall'amoxicillina al paracetamolo

Le farmacie nel Regno Unito e in Francia stanno esaurendo un antibiotico chiave poiché i medici vedono un rimbalzo post-pandemico nelle infezioni invernali come lo streptococco.

In Gran Bretagna, l’Association of Independent Multiple Pharmacies ha definito la carenza di amoxicillina “molto preoccupante” mentre il paese sperimenta a aumento della scarlattina e gravi infezioni da Strep A che hanno già ucciso nove bambini.

Gli operatori sanitari avvertono anche di potenziali carenze in altri paesi europei come l’, oltre che in Canada e negli .

In Francia, il governo ha riconosciuto che le scorte erano scarse sia per l’amoxicillina che per il comune antidolorifico paracetamolo, ma che i pazienti erano ancora in grado di trovare ciò che veniva loro prescritto.

Emma, ​​madre di due figli a Lione, dice di aver visitato sei diverse farmacie alla fine di novembre prima di trovare l’amoxicillina per curare l’infezione all’orecchio del figlio di tre anni.

“Ho trovato l’amoxicillina nella sesta ed era l’ultima confezione”, ha detto a Euronews Next. “In ognuno, hanno detto che potevano provare a ordinarlo ma non sarebbe arrivato fino a una settimana dopo”.

Ha anche faticato a trovare la forma liquida del paracetamolo, che di solito viene venduta al banco, per la figlia di tre mesi che aveva la bronchiolite.

“È stata un’esperienza davvero stressante. Quando tuo figlio è malato, tutto ciò che vuoi fare è farlo sentire meglio “, ha detto.

Cosa sta causando la carenza di medicinali?

Il fenomeno non è nuovo, ma è peggiorato con la pandemia di -19 e la guerra in Ucraina.

“La situazione è stata molto grave nel corso degli anni in tutti i paesi e ha colpito tutti i tipi di medicinali”, ha dichiarato Ilaria Passarani, segretario generale del Gruppo farmaceutico dell’ (PGEU) in rappresentanza dei farmacisti comunitari.

“Negli ultimi sette, otto anni, abbiamo visto aumentare il problema”, ha detto a Euronews Next, aggiungendo che ci sono cause fondamentali che guidano questa tendenza, oltre a cause più circostanziali.

Il motivo principale ha a che fare con la globalizzazione della produzione di farmaci, che vede le varie fasi della produzione di farmaci suddivise in più siti in tutto il .

Si stima che la Cina e l’India producano tra il 60 e l’80 per cento degli ingredienti farmaceutici attivi del mondo. Questa concentrazione del comporta dei rischi.

“Se c’è un problema con un produttore specifico, allora hai una carenza in tutto il mondo”, ha detto Passarani.

Un produttore può anche decidere di interrompere la produzione di un prodotto quando non è più sufficientemente redditizio, lasciando agli acquirenti pochissime alternative.

E qualsiasi problema tecnico nelle catene di approvvigionamento può facilmente causare interruzioni. Nel 2019, un rapporto esclusivo di Vice ha scoperto che 14 farmaci per la salute mentale scarseggiavano dopo la Brexit.

In questi giorni, ulteriori fattori stanno contribuendo al collo di bottiglia. Dopo la guerra in Ucraina, l’industria farmaceutica – come molti altri settori – è stata colpita da un’elevata inflazione.

Il conflitto ha portato a costi energetici più elevati e materie prime più costose per i produttori.

Infine, anche se il COVID-19 persiste, altre malattie stanno tornando alla ribalta dopo aver mantenuto un basso profilo tra le restrizioni del blocco.

In effetti, è così che le autorità francesi hanno spiegato la diminuzione delle scorte di amoxicillina. Secondo loro, i produttori sono stati colti di sorpresa da un forte rimbalzo della domanda.

“Quindi, il problema che stiamo affrontando con la è lo stesso problema che potremmo incontrare con i microchip, che sta colpendo anche altri settori dell’”, ha detto Passarani.

“Ma i medicinali non sono come qualsiasi altro bene e una carenza può mettere a rischio la sicurezza dei pazienti”.

Quali farmaci sono interessati?

Questa domanda dipende dal paese.

Nel Regno Unito, le farmacie lanciano l’allarme sull’amoxicillina, uno degli antibiotici più comunemente prescritti ai bambini, anche per le infezioni da streptococco A, che sono attualmente in aumento a livello nazionale.

Durante l’estate, anche il Regno Unito ha registrato carenze di alcuni farmaci per il diabete, mentre scarseggiava anche l’aripiprazolo, un prescritto per alcune condizioni psichiatriche tra cui la schizofrenia, il disturbo bipolare e l’autismo grave.

In Francia, il paracetamolo ne risente, tanto che le autorità hanno raccomandato ai farmacisti di non venderne più di due scatole per paziente. Sono state segnalate scarsità di scorte anche per alcuni farmaci per il diabete.

Negli Stati Uniti, i pazienti con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) hanno difficoltà a ottenere Adderall. Ritardi di produzione, prescrizione eccessiva, normative e domanda elevata sono tutti citati come fattori che giocano un ruolo.

In Irlanda, più di 180 prodotti erano “scarseggianti” a settembre, secondo Medicines for Ireland.

Quali soluzioni vengono prese in considerazione?

In alcuni paesi sono già in atto misure, come consentire la sostituzione con un farmaco generico. Alcuni paesi, come la Francia, hanno anche una legislazione che obbliga i produttori a fornire scorte minime di sicurezza per alcuni medicinali.

Nel marzo 2022, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha istituito un gruppo direttivo per affrontare i problemi di approvvigionamento. Il gruppo sta lavorando per garantire una migliore comunicazione e coordinamento tra i diversi attori del settore.

I rappresentanti degli operatori sanitari e dei pazienti sperano in maggiori azioni come parte del nuovo regolamento attualmente in discussione a Bruxelles. La proposta della Commissione europea è attesa entro la fine di quest’anno.

“Chiediamo anche soluzioni attuabili ora a livello nazionale. Ampliando il ruolo dei farmacisti si può fare qualcosa senza aspettare la lunga, lunghissima revisione della normativa Ue che richiederà anni”, ha detto Passarani.

Ha citato come durante la pandemia di COVID-19, le farmacie in alcuni paesi sono state in grado di sostituire i farmaci in carenza senza che il paziente dovesse tornare dal medico e chiedere un’altra prescrizione.

Ma i critici affermano che misure come queste non risolvono le radici del problema. Dai funzionari governativi agli analisti, ci sono crescenti richieste per riportare la produzione di medicinali dall’Asia all’Europa.

Il governo francese ha già preso incentivi finanziari per “rimpatriare tutte queste industrie che producono medicinali essenziali”, ha dichiarato il mese scorso François Braun, ministro della sanità francese.

La lobby dell’industria farmaceutica ha segnalato di essere disposta a riportare parte della produzione in Europa, ma osserva che la burocrazia può essere un ostacolo. Sostiene inoltre che il sistema sanitario francese offre pochi incentivi a farlo, dati i bassi prezzi di vendita che impone per i farmaci rimborsabili.

Queste carenze di medicinali possono mettere in pericolo i pazienti?

In uno studio condotto da The Pharmaceutical Journal nel luglio 2022, più della metà dei farmacisti britannici intervistati riteneva che la carenza di medicinali stesse mettendo a rischio la salute dei pazienti.

UN recente studio francese ha rilevato che la sostituzione di un farmaco con un altro ha portato a errori terapeutici nell’11% dei casi.

“Per molti farmaci, soprattutto per le malattie rare, spesso non si hanno alternative”, ha detto Passarani.

“Ma bisogna anche tenere conto del fatto che anche solo cambiare un farmaco con uno alternativo può aumentare il rischio di effetti collaterali o avere un’efficacia diversa, il che significa minori esiti di salute e minori benefici per i pazienti”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare