Il “turismo della pompa” è una nuova tendenza di viaggio? Altre auto svizzere avvistate fare rifornimento in Francia

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il "turismo della pompa" è una nuova tendenza di viaggio?  Altre auto svizzere avvistate fare rifornimento in Francia

La Svizzera gode di una posizione privilegiata nel cuore dell’. Non solo i residenti hanno i gloriosi svizzeri e laghi azzurri da esplorare, possono facilmente raggiungere altre fantastiche destinazioni Austria, Francia, Germania e Italia.

Ma viaggiare può anche essere pratico, e una ragione più banale è allettante svizzero in Francia quest’estate.

Visti i crescenti costi di carburanteun numero crescente di residenti nell’area di sta guidando sui francesi confine per fare il pieno alle loro auto.

Il fenomeno è stato descritto di pompaggio’, superando lo ‘turismo dello shopping’ che da tempo vede i ginevrini acquistare merci a buon mercato nelle città di confine.

Un litro di carburante a Ginevra ora costa circa 2,20 franchi (2,30 euro) contro 1,80 euro dell’Alta Savoia, quindi – unito a un favorevole – il viaggio prolungato vale per alcuni.

Perché i politici francesi non sono contenti del “turismo di pompaggio”?

Tuttavia, alcuni politici francesi non sono contenti di questa nuova tendenza turistica.

Sottolineano che i della pompa più economici in Francia sono dovuti allo sconto sul carburante del governo di 18 centesimi al litro, che alla fine è finanziato dai contribuenti francesi.

“Dobbiamo assolutamente dare la priorità ai francesi”, ha detto Loïc Hervé, senatore dell’Alta Savoia, al quotidiano Tribune de Genève all’inizio di questo mese.

“Non dovremmo aiutare il riccosvizzeri e stranieri turisti. E ‘così semplice.”

Ma il consigliere di Stato di Ginevra Mauro Poggia sostiene che i benefici del confine sono sempre andati in entrambe le direzioni. I professionisti francesi impiegati a Ginevra hanno goduto degli stipendi più alti e di altri vantaggi derivanti dal lavorare per un’azienda svizzera.

“E non dimentichiamo che il francese anche fare il pieno alle loro auto a Ginevra prima di tornare a casa, e questo non ha infastidito nessuno”, ha detto.

Prima dell’invasione russa di – e il conseguente aumento del prezzo del carburante – il gas senza piombo era più conveniente Svizzera che in Francia, riferisce il Local.

Ma a giugno il governo svizzero ha deciso contro il tipo di sconto sul carburante che la Francia, così come AustriaGermania e Italia sono stati introdotti per alleviare la pressione sugli automobilisti.

Con lo sconto francese in aumento a 30 centesimi al litro a settembre e ottobre, il flusso di veicoli con le targhe vodesi e ginevrine è improbabile che si fermino presto.

Dove altro è in aumento il “turismo di pompaggio”?

Con il della vita che incide sulla vita delle persone e sui piani di viaggio in tutto il continente, il confine franco-svizzero non è l’unico a vedere questo tipo di traffico.

ha carburante notoriamente a buon mercato, portando sia i camionisti che i turisti a fare rifornimento durante il viaggio verso le loro destinazioni finali.

Il più grande benzina La stazione nel mondo è il piazzale di Berchem della Shell, appena fuori dall’autostrada A3 nel sud del Lussemburgo, ed è stato ancora più affollato del solito quest’estate.

“Ciò è dovuto alla posizione, che è perfetta nel mezzo dell’Europa, e anche i prezzi vantaggiosi del carburante fanno la differenza”, ha detto il manager Daniel Calderon all’AFP all’inizio di questo mese.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews ( Il “turismo della pompa” è una nuova tendenza di viaggio? Altre auto svizzere avvistate fare rifornimento in Francia
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare