Il piano della Bosnia di giocare un’amichevole di calcio con la Russia fa furore e chiede il boicottaggio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

La Bosnia-Erzegovina affronterà la Russia in un’amichevole a novembre, ha annunciato venerdì la Federcalcio del paese sul suo sito ufficiale, suscitando aspre critiche sia dai fuoriclasse che dai tifosi bosniaci.

La partita è in programma per il 19 novembre a San Pietroburgo, un giorno prima dell’inizio dei Mondiali in Qatar.

Se la partita andrà avanti, sarà la prima volta che una nazione europea affronterà la Russia in campo da quando le loro squadre nazionali sono state bandite dalle competizioni internazionali a causa dell’invasione su vasta scala dell’ da parte di Mosca a fine febbraio.

La decisione di disputare l’amichevole con la Russia è stata presa venerdì dal comitato di emergenza dell’Associazione in una sessione di emergenza, con cinque voti favorevoli e uno contrario.

Il capitano della nazionale bosniaca Edin Džeko dell’Inter ha criticato apertamente la decisione e si è scagliato contro l’idea di affrontare la Russia nel mezzo dell’aggressione in Ucraina.

“Sono contrario a giocare questa partita. Sempre e solo per la pace”, ha detto Džeko al bosniaco Klix. “Purtroppo non sono io a decidere contro chi giocherà la Bosnia, ma la mia posizione su questo è chiara e non implica giocare a questo gioco mentre persone innocenti vengono uccise”.

“Sono solidale con il popolo ucraino in questi tempi difficili per loro”, ha concluso Džeko, che ha vinto due volte la Premier League e una volta la Bundesliga nella sua carriera stellare.

“La decisione non è buona. Sono senza parole”, ha detto ai media locali il centrocampista bosniaco Miralem Pjanić. “La Federcalcio nazionale [officials] So cosa penso”.

Il 32enne ex giocatore di Juventus e Barcellona ha collezionato 107 presenze dal suo debutto nel 2008. Di recente è passato allo Sharjah FC negli .

Il portiere Asmir Begović, l’ex numero 1 del paese che attualmente esercita il suo mestiere con l’Everton, squadra della Premier League, è andato su Twitter e ha ripubblicato un tweet del 2021 in cui criticava l’Associazione per “si è trasformata in una pagina eBay per riempire le tasche dei criminali” senza aggiungere ulteriori commenti .

La Bosnia “ricorda sicuramente gli orrori della guerra”, afferma la Federcalcio ucraina

Polonia, e Repubblica Ceca hanno dichiarato che non avrebbero giocato le qualificazioni ai Mondiali contro la Russia a marzo, prima che le nazionali russe fossero bandite dalle competizioni internazionali.

L’organo di mondiale del FIFA e la sua controparte europea UEFA hanno deciso a febbraio che tutte le squadre russe, nazionali o di club, sarebbero state bandite dalla partecipazione alle competizioni FIFA e UEFA dopo l’invasione.

Tuttavia, le amichevoli per squadre nazionali non sono incluse nella disposizione e tali partite sono consentite purché organizzate tra due nazioni riconosciute.

Da allora, la federazione russa ha programmato altre due amichevoli con Iran e Azerbaigian, ma giocare contro la 53a squadra più forte del mondo costituirebbe un precedente importante.

Mentre i media russi hanno salutato la partita come “l’inizio della fine dell’isolamento del calcio russo”, sabato la Federcalcio ucraina ha fatto appello a UEFA e FIFA per evitare l’amichevole.

Inoltre, l’ente nazionale di calcio ucraino ha inviato una lettera al comitato esecutivo della Federcalcio bosniaca, chiedendogli di riconsiderare la sua decisione perché “sembra che sia finalizzata a sostenere le azioni del governo russo in Ucraina in merito al proseguimento della guerra”.

“Vale la pena notare che l’ultima partita della nazionale ucraina in tempo di pace è stata contro la sua squadra nel novembre 2021”, ricorda il comunicato.

“Fino a questo momento, eravamo fiduciosi che il vostro meraviglioso Paese ricordasse gli orrori della guerra negli anni ’90 e non permetterà che ciò si ripeta… nel 21° secolo”.

“La sua decisione di giocare un’amichevole contro un Paese che ha rovinato la vita di milioni di persone è sorprendente”, ha sottolineato la Federcalcio ucraina.

La storia recente della Bosnia è stata segnata da una sanguinosa guerra che ha causato 100.000 vittime, con due milioni di persone che sono diventate profughe o sfollate in un paese di 3,5 milioni.

Džeko, Pjanić e Begović sono tutti rappresentanti di una generazione di stelle dello che sono cresciute durante il conflitto, con Džeko che ha vissuto l’assedio di Sarajevo da bambino, mentre Pjanić e Begović sono finiti come rifugiati rispettivamente in Lussemburgo e .

Redatti per porre fine alla guerra nel 1995, gli accordi di pace di Dayton sponsorizzati dagli Stati Uniti hanno creato due principali unità amministrative in Bosnia: l’entità a dominanza serba della Republika Srpska, o RS, e la Federazione di Bosnia ed Erzegovina, a maggioranza croata bosniaca.

Alle due entità è stata concessa una certa autonomia, con un governo ombrello a livello statale con la sua presidenza tripartita (ogni membro rappresenta uno dei tre principali gruppi etnici) e un consiglio dei ministri che sovrintende alle principali istituzioni del paese, compreso l’esercito. , il superiore giudiziario e amministrazione fiscale.

Di recente, il Paese ha attraversato quella che è stata definita la peggiore crisi dalla firma degli Accordi di pace, causata dal tentativo dei leader serbo-bosniaci di ritirarsi dalle istituzioni statali, ampiamente interpretato come un tentativo di secessione.

Le squadre sportive nazionali, gestite anche a livello statale, sono uno dei principali fattori unificanti in un paese diviso per linee etniche e l’ultima decisione della Federcalcio bosniaca è un tentativo di seminare discordia e divisione, giornalista sportivo e co -l’ospite del podcast Opsajd, Saša Ibrulj, ha detto a Euronews.

“È una decisione politica”, ha detto Ibrulj. “Semplicemente non ha senso che un paese come la Bosnia, data la sua specifica situazione politica e le divisioni nella sua stessa società, accetti di interpretare la Russia a questo punto”.

“In teoria, è abbastanza semplice: [the Bosnian FA] ha ricevuto un invito dalla FA russa e l’hanno accettato. Ma la vera domanda è: perché lo stanno facendo e come lo stanno facendo in questo preciso momento?

“La conclusione morale e logica qui è che semplicemente non ha senso”, ha detto.

Sebbene la maggior parte dei bosniaci abbia sostenuto la difficile situazione dei loro concittadini ucraini da quando Mosca ha lanciato la sua aggressione contro il suo vicino occidentale alla fine di febbraio, i serbi bosniaci più radicali hanno apertamente appoggiato la Russia e il suo presidente, Vladimir Putin.

Infatti, la filiale locale del club motociclistico con sede in Russia e strettamente legata a Putin, Night Wolves, ha organizzato a marzo uno dei pochi incontri a sostegno della Russia in Europa a Banjaluka, il centro amministrativo dell’ente Republika Srpska.

Il paese è anche nel mezzo di campagne politiche sempre più tese mentre si avvicinano le elezioni generali, previste per il 3 ottobre.

Milorad Dodik, membro serbo-bosniaco della presidenza tripartita a livello statale, ha condotto una campagna sui suoi stretti legami con Putin, incontrandolo per un servizio fotografico a San Pietroburgo a giugno e recentemente annunciando un’altra udienza con il leader russo, prevista per il 20 di settembre.

La FA bosniaca sceglierà se giocare la partita o sospendere i suoi fuoriclasse

Il problema con la nazionale di calcio è arrivato appena una settimana prima che i giocatori si ritrovassero per le partite cruciali della Nations League.

La Bosnia è attualmente in testa al Gruppo B3 delle competizioni UEFA, con un punto di vantaggio sul Montenegro, che giocherà il 23 settembre.

La Federcalcio bosniaca, che si è consultata con artisti del calibro di Džeko e Pjanić sull’amichevole con la Russia prima di prendere la decisione, era pienamente consapevole di essere contraria alla partita e ora ha una decisione molto più difficile da prendere sull’opportunità di annullare la partita o penalizzare. i loro migliori giocatori, ha spiegato Ibrulj.

“In linea di principio, i giocatori possono rifiutarsi apertamente di giocare la partita, ma ciò comporta una possibile azione disciplinare da parte della FA”, ha detto. “Ma stai entrando in conflitto con i tuoi migliori giocatori per un gioco di cui non hai davvero bisogno”.

I giocatori della prima squadra avevano precedentemente boicottato un’amichevole contro l’Iran nel novembre 2020, costringendo l’ex allenatore Dušan Bajević a eliminare la squadra B. L’Iran ha vinto la partita nella capitale bosniaca Sarajevo 0–2.

“La partita può essere giocata senza i fuoriclasse. Tuttavia, che senso avrebbe sospendere 10, 12 o 15 giocatori in un paese che ha un numero limitato di giocatori di qualità poco prima delle loro principali partite competitive?” Ibrulj.

I tifosi della nazionale, noti come BH Fanatikosi, hanno rilasciato una dichiarazione pubblicata sui social sabato, chiedendo il boicottaggio della partita contro la Russia.

La Federcalcio bosniaca è rimasta in silenzio dall’annuncio, ma anche le opinioni ’interno dell’organo di governo del calcio nazionale sembrano divise.

Il vicepresidente della FA Irfan Durić ha criticato la chiamata dei suoi colleghi, dicendo alla filiale locale di Radio Free Europe che il gioco “non è l’opzione migliore” per la Bosnia.

Allo stesso tempo, l’ex stella del calcio Zvjezdan Misimović, che ora funge da consigliere del presidente dell’associazione, ha affermato che gli atleti non dovrebbero occuparsi di politica.

“Ci gareggiamo in campo. Gli altri dovrebbero occuparsi di politica e altre questioni”, ha detto l’ex membro della nazionale bosniaca, che ha lasciato il segno in grandi club come Wolfsburg e Dynamo Mosca.

L’atmosfera all’interno e intorno alla squadra di calcio del paese è ben lontana dal suo picco nel 2014, quando la Bosnia ha giocato la Coppa del Mondo, la prima e l’ultima volta che si è qualificata per un torneo importante, ed è stata classificata al 13° posto come migliore squadra mondiale in tempo.

In ogni caso, i politici nazionalisti etnonazionalisti hanno cercato di cooptare lo sport più popolare del paese dall’indipendenza della Bosnia nel 1992. La situazione sempre più tesa nel paese rende il calcio un mezzo facile per gli attori politici distruttivi per aggiungere punti ai suoi sostenitori, ha spiegato Ibrulj .

“Come tifoso, come qualcuno che ha seguito la nazionale bosniaca per decenni e come bosniaco, questa è solo una parte della campagna pre-elettorale”.

“Programmare una partita contro la Russia che non è obbligatoria è un atto deliberato e intenzionale per creare un’atmosfera negativa nella squadra nazionale”, ha detto Ibrulj, che ha scritto di calcio bosniaco e regionale per The Guardian e The Blizzard. .

“Ma ogni elezione nel paese arriva con una retorica incendiaria e crescenti tensioni create dai partiti nazionalisti. E il calcio si adatta abbastanza bene a questa strategia”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare