I casi di Monkeypox superano quota 70.000 nel mondo: l’OMS esorta le persone a non abbassare la guardia

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
i casi di vaiolo delle scimmie superano i 70.000

Dopo la feroce lotta contro il coronavirus, il mondo sta assistendo a un aumento dei casi di vaiolo delle scimmie, che a luglio di quest’anno è stato dichiarato un’emergenza sanitaria globale di interesse internazionale. Secondo Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità (), i casi di vaiolo delle scimmie hanno superato i 70.000 e finora hanno causato 26 vittime.

Anche se i casi sono diminuiti di numero, l’OMS ha chiesto alle persone di non abbassare la guardia. L’OMS ha sottolineato che potrebbe essere la fase “più pericolosa” dell’epidemia poiché i casi di infezione aumentano in alcuni paesi.

L’OMS preoccupato per la diffusione del vaiolo delle scimmie. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Monkeypox entra nella fase ‘più pericolosa’: l’OMS

In una conferenza stampa a Ginevra, il dottor Tedros ha evidenziato che mentre i casi di vaiolo delle scimmie sono diminuiti, 21 paesi hanno segnalato un aumento, che ha rappresentato quasi il 90% di tutti i casi segnalati nell’ultima settimana. Ha inoltre definito pericoloso l’epidemia in declino in quanto potrebbe far credere alle persone che la sia sotto controllo.

Ha esortato le persone a non abbassare la guardia poiché il vaiolo delle scimmie è ancora un’emergenza sanitaria di interesse globale. Ha affermato che i paesi devono aumentare la loro capacità di test e monitorare le tendenze per frenare l’impennata.

Casi di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo

Dall’inizio di maggio è stato segnalato un aumento dei casi di vaiolo delle scimmie. Finora sono stati segnalati più di 42.000 casi negli , rispetto ai circa 25.000 in . Secondo i rapporti, le infezioni da vaiolo delle scimmie tra i maschi che hanno rapporti sessuali con uomini al di fuori dei paesi africani dove è endemico da tempo sono aumentate dall’inizio di maggio.

Gli Stati Uniti sono il paese più colpito con circa 26.000 casi. I casi di vaiolo delle scimmie sono alti in Brasile con 8.147, seguito dalla con 7.209 e dalla Francia con oltre 4.000 casi. Germania, , Colombia, e Canada sono altri paesi che hanno riportato un numero elevato di infezioni totali. Tutti questi paesi rappresentano l’87% dei casi totali in tutto il mondo.

Nel frattempo, l’India ha segnalato solo pochi casi di vaiolo delle scimmie: circa 10 casi confermati a Delhi senza precedenti di viaggi intenzionali e cinque in Kerala con precedenti di viaggi negli . L’età media delle persone contagiate dal virus era di 31 anni.

vaiolo delle scimmie che entra in una fase pericolosa
L’OMS preoccupato per la diffusione del vaiolo delle scimmie. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Sintomi iniziali del vaiolo delle scimmie da conoscere

Secondo l’OMS, i casi di vaiolo delle scimmie possono variare. I sintomi possono manifestarsi 1-2 settimane dopo l’infezione. In genere, i sintomi possono iniziare con sintomi delle vie respiratorie superiori o simil-influenzali. È molto probabile che le persone soffrano di febbre alta, forti dolori muscolari, mal di testa e stanchezza come sintomi iniziali. In seguito, una persona può sviluppare linfoadenopatia linfocitica o linfonodi ingrossati. Un’eruzione cutanea può quindi svilupparsi su , piedi, viso, labbra e, occasionalmente, sui genitali. Queste si manifestano come papule rosse dolorose o grumi sollevati pieni di pus.

Se noti uno di questi sintomi, dovresti sottoporti a un controllo medico per proteggere te stesso e coloro che ti circondano.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare