Da un’isola all’altra, non da un confine all’altro: il nuovo ponte di Pelješac riunisce finalmente la Croazia

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Da un'isola all'altra, non da un confine all'altro: il nuovo ponte di Pelješac riunisce finalmente la Croazia

Se ti piace girare da un’isola all’altra, la Croazia è la destinazione ideale per te.

Il paese ha 1.200 isole al suo nome, che vanta incantevoli villaggi, coste frastagliate e mari azzurri.

Girare intorno a loro ora è ancora più facile grazie al ponte Pelješac. Inaugurato nel luglio di quest’anno, il ponte da 420 milioni di euro collega Spalato e Dubrovnik, aggirando finalmente la necessità di attraversare il confine con la Bosnia-Erzegovina.

In precedenza, se volevi guidare fino a Dubrovnik, dovevi attraversare il Corridoio di Neum, un piccolo tratto di territorio che taglia Croazia a metà.

Ciò significava in entrata e in uscita e con La Croazia entra nella zona Schengen nel , è probabile che questi diventino più severi.

Fortunatamente, il nuovo ponte ti consente di saltare da un’isola all’altra senza saltare i confini.

Puoi unirti al ponte nel piccolo villaggio di Komarna e ti lascerà a Brijesta sul Penisola di Pelješac. Il nuovo sviluppo è sicuramente andato bene con la gente del posto e i : al momento in cui scrivo, ha una recensione di 4,9 stelle su Google.

Il ponte ha molti vantaggi per i turisti che visitano la nazione, spiega Darija Reic, direttore dell’ nazionale croato per il in Gran Bretagna.

“Riduce i tempi di tra due dei principali centri turistici della Croazia, Dubrovnik e Spalato.

“Quindi ora ci vogliono circa due ore e mezza per andare da Dubrovnik a Spalato, in modo da rendere il viaggio più facile, che speriamo possa invogliare più viaggiatori a esplorare parti più grandi della costa croata”.

Cosa posso sulla penisola di Pelješac?

“La penisola di Pelješac è di per sé una destinazione straordinaria”, continua Reic. “È un centro gastronomico, noto per i vini autentici che vengono prodotti lì e noto per le ostriche.”

Se sei un fan delle ostriche, il posto migliore dove andare è Ston. Grazie alla salinità delle acque, la città produce il proprio sale e si pensa che abbia alcune delle saline più antiche del Mediterraneo.

La città di pescatori è anche ampiamente rinomata per i suoi allevamenti di ostriche, con le ostriche qui considerate le migliori in Croazia.

La penisola è anche celebre per i suoi vini, in particolare i suoi rossi forti e sostanziosi. Uno dei viticoltori più apprezzati della penisola è Mato Violić – Matuško, che produce nella regione vinicola protetta di Dingač.

Prodotti utilizzando il vitigno Plavac Mali, i vini qui possono essere piuttosto forti – con alcune bottiglie fino al 14%, quindi assicurati di fare il pieno di delizioso cibo croato mentre bevi.

C’è un piatto in particolare, che secondo Reic si sposa perfettamente con il croato vino.

“Pecca. Quindi la peka è un piatto tradizionale croato e di solito può essere a base di carne o pesce e polpo”, spiega.

“Allora prendiamo l’esempio del polpo, è polpo e patate cotti con erbe e spezie, cotto sotto un’enorme campana di ghisa, quindi ci vuole molto tempo per prepararlo, cuoce dalle quattro alle cinque ore.

“Questo è uno dei piatti più tradizionali che le persone dovrebbero provare quando lo sono in Croaziae assicurati di completarlo con alcuni dei vini croati.

Cosa posso fare sulla penisola di Pelješac?

La zona offre il intrepido viaggiatore molte possibilità di guadagnarsi .

“Ce ne saranno molti piste ciclabili in tutta la penisola, quindi vedremo molto più movimento turistico”, afferma Reic.

Con così tanti terreni accidentati e rocciosi in offerta, non c’è da meravigliarsi che la mountain bike sia popolare qui. Se vuoi diventare veramente fuoristrada, Pelješac Mtb Vibes conduce tour in bicicletta intorno ad alcuni dei sentieri rocciosi della penisola, villaggi deserti e luoghi più difficili da raggiungere.

Se invece preferisci tenere i piedi per terra, camminare lungo le antiche mura di Ston è una buona opzione. Le mura difensive più antiche d’Europa, collegano le città di Ston e Mali Ston. La passeggiata di 5,5 chilometri ti porterà dai 40 ai 50 minuti, a seconda di quante volte ti fermi per scattare una foto.

Da un’isola all’altra intorno alla penisola di Pelješac

La penisola è anche un’ottima base da cui partire per visitare alcune delle isole vicine della Croazia, qualcosa che Reic pensa che tutti i visitatori della Croazia dovrebbero fare.

“Le persone devono assolutamente fare da un’isola all’altra. Penso che sia molto importante visitare almeno due isole, ne abbiamo 1200 in fondo. Ovviamente alcuni sono molto piccoli, altri grandi e non tutti sono abitati, ma provali sicuramente perché la costa è assolutamente meravigliosa, molto attraente e molto varia.

Mentre sei in zona, assicurati di visitare Arcipelago di Lastovo Parco Naturale, che si trova al largo della costa di Pelješac. Il parco nazionale è composto da 44 isole, con la più grande, Lastovo, l’isola abitata più meridionale della Croazia.

Uno dei luoghi più tranquilli da esplorare in Croazia, Lastovo ha una flora e una fauna rare, tra cui bellissime orchidee in via di estinzione. Le acque cristalline del mare Adriatico fanno di questo un ottimo posto per le anche. Aspettati di vedere coralli, pesci e forse anche occasionali relitti di barche.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare