Cerchi una vacanza lontano dalla folla? Scopri l’Uzbekistan, un tempo il centro del mondo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Cerchi una vacanza lontano dalla folla?  Scopri l'Uzbekistan, un tempo il centro del mondo

Fino a pochi anni fa, l’Uzbekistan è rimasto una terra da favola chiusa a stranieri curiosi e esploratori speranzosi.

Ma ora questo Paese, un tempo considerato il centro del mondo per la sua posizione al centro della Via della Seta, sta cambiando immagine, accogliendo i visitatori e invitandoli a scoprire la bellezza di Uzbekistan.

Un tempo al crocevia delle civiltà occidentale e orientale, il paese senza sbocco sul mare era il percorso attraverso il quale viaggiavano personaggi del calibro di Alessandro Magno, Gengis Khan e Marco Polo. Le sue antiche città offrono un’esperienza architettonica sbalorditiva, con le sue moschee, madrasse, torri e mausolei mozzafiato influenzati da una miscela unica di stili turco, sovietico e uzbeko.

“La nostra gente, il nostro cibo, la nostra architettura sono il risultato di questa storia complessa e diversificata”, afferma Dilfuza Samandorova, Direttore del National PR Center presso il Ministero del Turismo e dei Beni Culturali dell’Uzbekistan.

“Ecco perché abbiamo tutto ciò che i turisti potrebbero cercare, dal cibo halal agli antichi siti buddisti”.

Quali sono le migliori città da visitare in Uzbekistan?

Il paese si trovava nel della Via della Seta, l’antica rotta commerciale che collegava la ’Occidente. Il percorso ha visto commercianti trasportare merci e idee tra Xi’an e il Mediterraneo, viaggiando attraverso la Grande Muraglia, il deserto del Taklamakan e le montagne del Pamir. Questa è la strada che ha percorso Marco Polo per raggiungere la Cina.

Al centro di questo commercio c’erano le magnifiche città uzbeke di Samarcanda, Bukhara, Khiva e Tashkent, ora capitale del paese. In queste città la memoria dell’antica Via della Seta è perfettamente conservata, rievocando l’atmosfera che mercanti e commercianti avrebbero potuto vivere migliaia di anni fa. C’è così tanto da in questa città, nominata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2001, ma non dovresti perderti le moschee Registan e Bibi Khanum e il mausoleo Gur-e-Amir, il magnifico luogo di riposo del conquistatore turco-mongolo Timur.

Samarcanda, in particolare, è una tappa obbligata per chiunque sia affascinato dalla storia antica della Via della Seta. La città, una delle più grandi e antiche dell’Asia centrale, ha stupito i visitatori per secoli, incluso Alessandro Magno, che avrebbe detto vedendola “più bella di quanto avessi mai immaginato”.

Bukhara, a meno di due ore di treno da Samarcanda, è stato uno dei siti più importanti dell’età d’oro dell’ e conserva le sue gloriose moschee, il mercato a cupola e le madrasse (scuole islamiche storiche). Qui puoi visitare la tomba del leggendario sovrano Ismail Somoni, che rinunciò allo zoroastrismo per l’Islam, e camminare sulle orme di Marco Polo. Il bazar della città è uno dei più impressionanti che troverai in tutto il paese.

Khiva e il suo centro storico Itchan Kala, al confine occidentale con il Turkmenistan, è considerato un museo a cielo aperto della Via della Seta, con le sue antiche strade, le moschee, il palazzo e il mausoleo che raccontano la meravigliosa storia di questa città storica.

Un tempo importante stazione commerciale sulla Via della Seta, la capitale Tashkent è il posto migliore in Uzbekistan per vedere l’influenza dell’Unione Sovietica sul paese. Questo è anche il luogo in cui il mondo moderno e quello antico si scontrano Uzbekistancon la città che detiene un festival internazionale del cinemauna galleria d’ e vari eventi di arte, musica e architettura durante tutto l’anno.

Dove posso esplorare la in Uzbekistan?

L’Uzbekistan è noto per i suoi paesaggi mozzafiato, comprese le dune rosse del suo deserto e le aspre cime delle sue montagne, ma c’è uno spettacolo naturale che offre un avvertimento unico all’umanità.

Il d’Aral, lago che tocca tutte e cinque le repubbliche dell’Asia centrale – Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan -, è completamente asciutto sul versante uzbeko, a causa della coltivazione insostenibile del cotone che l’Unione Sovietica ha imposto nell’area.

Di fronte a tale devastazione, il paesaggio morto dell’ex bacino lacustre, abitato dai resti di navi e barche perdute, offre una lezione che fa riflettere sull’impatto dell’attività umana sul pianeta.

Qual è il periodo migliore per visitare l’Uzbekistan?

“Forse sei o cinque anni fa avremmo suggerito una stagione specifica per visitare il paese, ma ora non c’è motivo perché abbiamo qualcosa per ogni stagione”, afferma Samandorova.

Il paese si è recentemente reinventato come meta di vacanze invernali, con nuovi centri sciistici nascosti tra le sue montagne innevate.

Samandarova consiglia di visitare Uzbekistan in autunno, il periodo migliore per passeggiare tra i siti storici e ammirare il paesaggio, cullati dal bel tempo, ma fresco. La stagione migliore per provare il cibo uzbeko è in primavera e in estate, quando i raccolti sono stati raccolti ei ristoranti del paese sono pieni delle migliori verdure e frutta fresca.

Cosa devo in Uzbekistan?

“Abbiamo molto cibo qui”, dice Samandorova, ridendo. “C’è Plov, Lagman, Manti, Shurpa, Shashlik. Tutti sono preparati con prodotti di stagione, coltivati ​​in modo naturale.”

Il plov è probabilmente il cibo tradizionale più famoso qui, considerato il piatto nazionale del paese. È un sostanzioso riso pilaf cucinato con agnello o manzo, cipolle, albicocche, aglio, uvetta e carote, solitamente servito su un piatto grande e accompagnato da tè. Il solo vedere il plov che viene preparato è un’esperienza, poiché il riso viene cotto in giganteschi calderoni di ferro chiamati “kazans” su un fuoco aperto.

Lo shashlik è un altro piatto progettato per rendere felici i mangiatori di carne, poiché è essenzialmente shish kebab – carne allo spiedo cotta su una griglia. Per i vegetariani, ci sono opzioni come patate allo spiedo, pomodori e funghi, che sono altrettanto deliziose.

Un altro piatto da provare sono i Manti, grandi gnocchi al vapore ripieni di agnello o manzo macinati e serviti con una salsa allo yogurt, e solitamente mangiati con le mani.

Ci sono molti altri piatti da provare in Uzbekistan, inclusi semi di albicocca tostati, Samsa e Chuchvara, quindi se stai programmando un viaggio qui, segui il tuo naso e scava.

Come devo salutare la gente del posto in Uzbekistan?

Non devi fare di tutto per fonderti con la vita locale e incontrare la gente uzbeka: la gente del posto verrà da te.

“Alla nostra gente piacciono molto i turisti”, dice Samandorova. “Ho viaggiato molto e non ho mai visto lo stesso in altri paesi. Diranno ciao, come stai e inizieranno a parlare con te, a conversare”.

Le lingue parlate in Uzbekistan sono prevalentemente l’uzbeco e il russo, mentre una minoranza parla il tagico, anche se dopo la caduta dell’Unione Sovietica e l’indipendenza del Paese nel 1991 sempre più persone parlano anche inglese.

Se parli con la gente del posto, potresti ottenere qualcosa di più di una semplice chiacchierata, dice Samarandova: potresti persino finire per provare cibo fatto in casa e diventare un ospite d’onore in una casa uzbeka.

“Ad esempio, se ti perdi nel nostro Paese e chiedi aiuto a qualcuno – se sei senza soldi, senza macchina, senza mappa o non sai dove sei – gli uzbeki ti aiuteranno.

“Prima di tutto ti daranno da mangiare. Ti inviteranno a casa loro e prepareranno un delizioso, dopodiché ti offriranno di stare nella loro casa, perché in ogni casa c’è una stanza per gli ospiti. E poi , ti aiuteranno ad andare dove vuoi.”

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare