Shakhtar Donetsk presenta ricorso legale per 50 milioni di euro per la perdita delle commissioni di trasferimento

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Secondo quanto riferito, la squadra di calcio Shakhtar Donetsk ha chiesto alla FIFA un risarcimento di 50 milioni di per le sue regole di trasferimento temporaneo.

I giocatori stranieri e gli allenatori dei club ucraini sono stati autorizzati a sospendere i contratti e firmare per altre squadre questo mese durante la .

Il club ucraino ha impugnato la decisione della FIFA davanti al (CAS), secondo l’Atletico (richiede abbonamento).

Il calcio professionistico è stato sospeso in Ucraina dopo che la Russia ha invaso il Paese il 24 febbraio.

Lo Shakhtar, che era in testa alla classifica, sperava di vendere alcuni dei suoi 14 giocatori stranieri per raccogliere fondi tra le perdite finanziarie dovute alla sospensione del campionato. Ma la decisione della FIFA del 21 giugno di aprire una finestra di trasferimento straordinaria significava che i giocatori potevano trasferirsi all’estero gratuitamente fino a giugno 2023.

“A della decisione della FIFA, lo Shakhtar ha perso l’occasione di trasferire quattro giocatori stranieri per un importo totale di circa 50 milioni di euro”, ha scritto l’amministratore delegato dello Shakhtar Sergei Palkin in una lettera al presidente della FIFA. La FIFA, Gianni Infantino, ottenuta da The Athletic .

“Tutti pensano che siamo una famiglia di calcio. Questa decisione ha appena cancellato questo slogan”, ha detto Palkin al sportivo in un’intervista.

“Non siamo una famiglia di calcio perché a nessuno importa dei club ucraini. È un vero peccato. Alla FIFA non importa di noi”.

Euronews ha contattato la FIFA per una risposta alla denuncia dello Shakhtar. La decisione temporanea dell’organo di governo del calcio mondiale ha colpito anche giocatori e allenatori stranieri nei club russi.

La scorsa settimana, il CAS ha stabilito che le squadre russe restano escluse dalle competizioni calcistiche internazionali, inclusa la UEFA Champions League, a causa dell’invasione dell’Ucraina.

Il CAS ha osservato che sono state le decisioni di UEFA e FIFA ad avere purtroppo “un effetto così negativo” sul calcio russo, ma che sono state “superate dalla necessità di uno svolgimento sicuro e ordinato degli eventi calcistici per il resto del mondo” .mondo”. “

L’esclusione della Russia significa che lo Shakhtar Donetsk mantiene un posto nella fase a gironi di Champions League squadra del paese successivo con il punteggio più alto.

Lo Shakhtar non gioca una partita nella sua nell’Ucraina orientale dal 2014, quando sono scoppiati i combattimenti tra le forze di e i separatisti sostenuti dalla Russia.

“Lo sport in Russia, e il calcio in particolare, servono come un importante strumento di propaganda statale, promuovendo le politiche russe di morte e distruzione”, ha detto Palkin in una dichiarazione venerdì.

“Ringraziamo la corte per aver fatto eco a organizzazioni di diversi settori in tutto il mondo nell’escludere e isolare la Russia da qualsiasi ‘esistenza normale’ fino a quando non pone fine alla guerra contro l’Ucraina e rinuncia a tutti i territori ucraini occupati”.

Lo Shakhtar, che ha vinto 13 volte la Premier League ucraina, ha in programma di giocare le partite europee in una sede neutrale in Polonia la prossima stagione.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare