Divieto di ingresso: sono tutti i paesi ancora chiusi ai turisti grazie al COVID

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Divieto di ingresso: sono tutti i paesi ancora chiusi ai turisti grazie al COVID

Dopo due anni di rigide restrizioni, i viaggi hanno iniziato ad assomigliare alla “normalità” pre-pandemia.

Dai certificati di vaccinazione ai test alle chiusure delle dell’ultimo minuto, aspiranti jetset hanno rispettato regole ferree.

Ma quest’anno la situazione è cambiata. Negli ultimi mesi, 30 paesi hanno demolito il loro restanti regole di accesso.

Sebbene 109 paesi abbiano ancora alcune in vigore, 118 sono completamente aperti, almeno ai viaggiatori vaccinati, su cui ci siamo concentrati .

Alcuni paesi hanno ancora confini chiusi, anche per i viaggiatori vaccinati. Allora dove sono e quali sono le regole?

Quali paesi hanno le norme COVID più rigide per i viaggiatori vaccinati?

La Cina sta ancora perseguendo una politica “zero-COVID”, quindi tutti in arrivo i viaggiatori affrontare 10 giorni di quarantena in a proprie spese. Devono anche risultare negativi ’arrivo.

I turisti non sono attualmente ammessi. Tuttavia, secondo una bozza di documento politico pubblicato dal Ministero della e del cinese a settembre, i gruppi turistici organizzati dalle agenzie di viaggio potrebbero presto essere autorizzati.

Nauru

Tutti i viaggiatori devono isolarsi fino a quando un test PCR non restituisce un risultato negativo. Se è positivo, devono essere messi in quarantena per 14 giorni.

Turkmenistan

Tutti i viaggiatori stranieri sono banditi.

Tutti i viaggiatori stranieri sono banditi, anche se da allora è così prima del COVID.

Dove è ancora richiesta la quarantena per i viaggiatori vaccinati che risultano positivi?

In alcuni paesi, vaccinato i viaggiatori devono comunque mettere in quarantena – ma solo se risultano positivi a un test COVID obbligatorio eseguito all’arrivo.

  • Indonesia
  • Birmania
  • Nepal (solo i viaggiatori sintomatici devono eseguire il test)
  • Bangladesh (solo i viaggiatori sintomatici devono eseguire il test)
  • Iran (è richiesto il test pre-volo)
  • Burundi
  • Congo
  • Camerun
  • Burkina Faso (I viaggiatori con un test del flusso laterale positivo COVID all’arrivo devono mettere in quarantena per 72 ore in un hotel a proprie spese e attendere il risultato del test PCR. I viaggiatori che risultano positivi al test COVID PCR devono mettersi in quarantena nelle strutture mediche.)
  • Mali (solo i viaggiatori sintomatici devono eseguire il test)
  • Mauritania (10 giorni di quarantena in caso di positività)
  • Taiwan

Luoghi in cui i viaggiatori non vaccinati sono ancora completamente banditi

In aggiunta a questo, alcuni paesi richiedono ancora ai viaggiatori non vaccinati di mettersi in quarantena o di restituire un test negativo. Vedi le restrizioni paese per paese qui.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare