Cercasi turisti ricchi: cosa c’è dietro la corsa per chi spende molto e ridurrà l’overtourism?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Cercasi turisti ricchi: cosa c'è dietro la corsa per chi spende molto e ridurrà l'overtourism?

Quando la pandemia ha colpito, i viaggi si sono fermati. Quasi tre anni dopo, la maggior parte dei paesi si è aperta, ma alcuni tipi di visitatori sono più benvenuti di altri.

I paesi sono più selettivi sul tipo di turismo che desiderano, con nazioni come la Nuova Zelanda che esprimono il desiderio di “turisti di alta qualità” rispetto ai viaggiatori in .

’inizio di quest’anno, il ministro del turismo del paese insulare ha ribadito un piano per attirare turisti facoltosi rispetto a quelli che girano per il paese in camper “con $ 10 [€7] al giorno mangiando tagliatelle secche”.

I programmi per colpire i viaggiatori ricchi combattono il turismo eccessivo e salvaguardano l’ambiente, affermano i paesi che li implementano. Ma significa che i viaggi economici sono finiti per sempre?

Ecco cosa dicono a proposito delle loro campagne i paesi che favoriscono i turisti “di qualità”.

Il Giappone attira un turismo redditizio nelle regioni meno conosciute

Dal prossimo anno, la Japan Tourism Agency ha annunciato che si concentrerà sull’ingresso nel Paese di ricchi turisti stranieri.

L’agenzia ha detto che sceglierà una decina di siti turistici “modello” e contribuirà a sviluppare le loro strutture ricettive e le loro risorse.

I siti selezionati dovrebbero già disporre di risorse turistiche di alta qualità, ma essere pronti ad aggiornare gli elementi per soddisfare le esigenze dei visitatori facoltosi.

L’agenzia del turismo ha detto che i grandi spendaccioni tendono ad attenersi alle tre metropolitane di Tokyo, Osaka e Nagoya.

Spera che la nuova campagna turistica convinca i turisti facoltosi a visitare le aree regionali meno conosciute del Giappone.

L’, le Isole Cayman e Montserrat raggiungono i ricchi lavoratori remoti

La chiusura dei confini pandemici ha significato che molti paesi hanno perso entrate significative dal turismo. Per recuperare questa mancanza, alcuni hanno utilizzato visti speciali per attirare lavoratori a distanza.

Alcune nazioni – come l’Islanda, le Isole Cayman e l’isola caraibica di Montserrat – hanno fatto un ulteriore passo avanti, limitando i loro schemi ai lavoratori facoltosi.

Nomadi digitali che sperano di trasferirsi in Islanda per sei mesi sul programma di visto per del paese è necessaria la prova di uno stipendio mensile di 1 milione di corone islandesi (6.625 €), ovvero circa 79.500 € all’anno.

Il Isole Cayman ha lanciato il suo Global Citizen Concierge Program (GCCP) nel 2020. Permette lavoratori a distanza trasferirsi nel territorio britannico d’oltremare con un visto di due anni, ma solo se il loro stipendio supera i $ 100.000 (€ 98.666) all’anno.

L’isola caraibica di Montserrat ha iniziato a offrire un timbro di lavoro a distanza nel febbraio 2021 che lo consente nomadi digitali lavorare dalla campagna per un anno. L’unico problema? I tuoi guadagni annuali devono essere superiori a $ 70.000 (€ 69.000).

Il turismo di Tenerife punta sulla qualità piuttosto che sulla quantità

Tenerife sta cercando di attirare il turismo di “qualità” in avanti rispetto alla quantità di visitatori.

Secondo quanto riferito, il numero dei suoi visitatori è tornato quasi ai livelli pre-pandemia, quindi il paese si sta concentrando sul tipo di turismo che attrae.

Il paese vuole rivolgersi ai visitatori che vengono a conoscere cultura, patrimonio e gastronomia, non solo per le spiagge.

Tenerifel’ente per il turismo di lancerà strategie di marketing digitale rivolte ai viaggiatori “curiosi” e “di qualità”.

L’ investe nel turismo di valore

Paesi Bassi allo stesso modo sta cercando di attrarre ciò che il suo ente turistico chiama “turismo di valore”.

“Ci concentriamo su gruppi target che contribuiscono economicamente, socio-culturalmente ed ecologicamente a una destinazione fiorente e si adattano alla capacità di carico e all’identità dell’area”, afferma Conrad van Tiggelen, direttore del marchio e della strategia presso il Consiglio olandese per il turismo e le convenzioni. .

Sebbene il consiglio voglia incoraggiare il turismo che sostiene l’economia locale, van Tiggelen aggiunge che “non mettiamo in relazione il valore dei visitatori solo con le spese”.

La Nuova Zelanda scatena la rabbia dopo aver respinto i viaggiatori a buon mercato

Quest’estate, Nuova Zelanda ha ribadito la sua intenzione di indirizzare i grandi spendaccioni rispetto ai viaggiatori in economia.

Il ministro del turismo Stuart Nash ha ribadito che il paese cercherà “spudoratamente” di attirare individui con un patrimonio netto elevato.

Nel 2020, ha dichiarato Nash Nuova Zelanda cercava il tipo di turista che “vola in business class o premium economy, noleggia un elicottero, fa un giro intorno a Franz Josef e poi mangia in un di lusso”.

I turisti che spendono di più sono migliori per l’ambiente?

La dichiarazione di Nash ha provocato critiche sul fatto che i turisti con un budget più elevato spesso ne hanno uno più grande impronta ecologica rispetto ai viaggiatori in economia e soggiornano per periodi di tempo più brevi.

“Abbiamo scoperto che non è vero che i visitatori che spendono di più sono migliori per l’ambiente”, afferma Jeremy Sampson, CEO della Travel Foundation.

“È molto più sfumato: i costi per soddisfare la domanda turistica non sono stati ben compresi”.

La fondazione ha condotto alcune ricerche nelle Isole Canarie, ad esempio, sull’impatto del mercato del lusso sull’ambiente.

“Abbiamo scoperto che i visitatori a cinque stelle comportavano un molto più significativo in termini di risorse ambientali”, afferma Sampson. “Gli hotel di lusso utilizzavano più acqua ed e avevano maggiori requisiti di gestione dei rifiuti”.

I turisti più ricchi avvantaggiano l’economia locale più dei viaggiatori in economia?

Sampson afferma inoltre che l’idea che i visitatori che spendono di più siano migliori per l’economia locale non è sempre vera.

“Sebbene i visitatori a cinque stelle possano generare più entrate complessive, entrate spesso non sono distribuite molto bene nella comunità”, afferma.

Al contrario, le persone che restano affitti a breve termine spendere meno ma in attività più diversificate e locali.

Sampson si sente viaggio economico sicuramente non diventerà un ricordo del passato.

“Penso che l’idea che un segmento di visitatori sia intrinsecamente indesiderabile sia piuttosto errata”, afferma.

“Si tratta di trovare l’equilibrio e capire che ogni segmento ha sia costi che benefici.”

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare