Caldo e infastidito: il clima sempre più caldo potrebbe alimentare l’incitamento all’odio online, rileva un nuovo studio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Caldo e infastidito: il clima sempre più caldo potrebbe alimentare l'incitamento all'odio online, rileva un nuovo studio

Secondo uno studio, le temperature al di fuori della nostra zona di comfort possono portare a un aumento dell’incitamento ’odio online.

Un’analisi statistica di oltre quattro miliardi di tweet ha rilevato che temperature superiori a 30°C portano a un aumento dell’odio online in tutte le zone climatiche e alle differenze socioeconomiche, come il reddito e le preferenze .

Ma non sono solo le temperature calde a far ribollire il sangue dei bigotti. Si è visto anche che temperature inferiori a 12°C hanno aumentato il numero di messaggi di odio pubblicati su .

La ricerca, pubblicata in La salute planetaria di Lancet e sulla base dei tweet degli utenti di Twitter negli , ha scoperto che al di fuori di una zona di comfort di 12 e 21°C, il comportamento online aggressivo è aumentato.

Il numero minimo di tweet di odio è stato registrato a temperature comprese tra 15 e 18°C. Temperature superiori a 30°C sono state costantemente collegate a forti aumenti dell’odio online.

“Rilevando i tweet di odio in più di quattro miliardi di tweet di utenti statunitensi con il nostro algoritmo di e combinandoli con i dati meteorologici, abbiamo scoperto che sia il numero assoluto che la quota di tweet di odio aumentano al di fuori di una zona di comfort climatico: le persone tendono a mostrare una maggiore comportamento online aggressivo quando fuori fa troppo freddo o troppo caldo”, ha affermato Annika Stechemesser, autrice principale e scienziata del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK).

Gli autori affermano che ciò potrebbe avere implicazioni preoccupanti per il , poiché siamo sulla buona strada per eventi meteorologici più estremi e temperature complessive più calde.

Anche gli europei sono suscettibili?

Uno studio del 2021 basato sul comportamento online degli europei fatto risultati simili.

Ha esaminato oltre 10 milioni di tweet razzisti da sei diversi paesi, in diverse zone climatiche tra il 2012 e il 2018.

Studiando i dati sulla temperatura giornaliera in congruenza con i tweet, i ricercatori hanno trovato il minor numero di tweet razzisti per temperature comprese tra 5 e 11°C, temperature a cui le persone sono più abituate.

Temperature più calde o più fredde di quelle sono state associate a forti aumenti degli abusi razzisti online.

Pubblicando sulla rivista IOPscience, gli autori hanno affermato che i loro risultati suggeriscono che il riscaldamento futuro potrebbe portare a un aumento della frequenza e dell’accettazione dei contenuti razzisti online.

Le temperature estreme alimentano l’odio

Nello studio PIK sui tweeter statunitensi, gli autori hanno utilizzato l’apprendimento automatico per identificare 75 milioni di tweet di odio in un set di dati di oltre 4 miliardi di tweet pubblicati negli Stati Uniti tra il 2014 e il 2020.

Hanno quindi analizzato come il numero di tweet di odio è cambiato quando le temperature locali sono aumentate o diminuite.

Hanno usato la definizione ufficiale delle Nazioni Unite per incitamento all’odio, che è un linguaggio discriminatorio nei confronti di una persona o di un gruppo in base alla loro religione, etnia, nazionalità, razza, , discendenza, genere o altra identità.

Stechemesser ha affermato di aver scoperto che l’odio online aumenta fino al 12% per temperature inferiori a 12°C e fino al 22% per temperature più calde negli Stati Uniti.

Anders Levermann, coautore e capo della Complexity Science presso l’Istituto di Potsdam, ha affermato che anche nelle aree ad alto reddito in cui le persone possono avere l’aria condizionata, è stato osservato un aumento dell’incitamento all’odio nei “giorni estremamente caldi”.

“In altre parole: c’è un limite a ciò che le persone possono prendere”, ha detto.

“Quindi, ci sono probabili limiti di adattamento alle temperature estreme e questi sono inferiori a quelli fissati dai nostri meri limiti fisiologici”.

Gli autori affermano che poiché le temperature estreme alimentano l’odio online, ciò può quindi avere l’effetto a catena di avere un mentale delle vittime di quell’odio.

“Essere l’obiettivo dell’incitamento all’odio online è una seria minaccia per la mentale delle persone. La letteratura psicologica ci dice che l’odio online può aggravare le condizioni di salute mentale soprattutto per i giovani e i gruppi emarginati”, ha affermato Stechemesser.

Leonie Wenz, che ha guidato lo studio, ha aggiunto che la riduzione delle emissioni e la riduzione dell’impatto dei cambiamenti climatici, quindi, non solo gioverebbe al mondo esterno, ma anche alla nostra salute mentale.

“Proteggere il nostro clima dall’eccessivo è fondamentale anche per la nostra salute mentale”, ha affermato.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Caldo e infastidito: il clima sempre più caldo potrebbe alimentare l’incitamento all’odio online, rileva un nuovo studio
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare