Affare concluso: Elon Musk ora ha il controllo di Twitter e ha già licenziato i suoi massimi dirigenti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Affare concluso: Elon Musk ora ha il controllo di Twitter e ha già licenziato i suoi massimi dirigenti

Elon Musk ha preso il controllo di Twitter e destituito il CEO, il chief financial officer e il miglior avvocato della società, hanno detto giovedì sera due persone che hanno familiarità con l’accordo.

Le fonti non direbbero se tutte le pratiche burocratiche per l’accordo, originariamente del valore di 44 miliardi di dollari (43 miliardi di euro), fossero state firmate o se l’accordo si fosse concluso. Ma hanno detto che Musk è responsabile della piattaforma dei e ha licenziato il CEO Parag Agrawal, il CFO Ned Segal e il Chief Legal Counsel Vijaya Gadde. Nessuna delle persone voleva essere identificata a della natura delicata dell’accordo.

Poche ore dopo, Musk ha twittato “l’uccello è stato liberato”, un riferimento al logo di Twitter.

Le partenze sono arrivate poche ore prima della scadenza fissata da un giudice del Delaware per finalizzare l’accordo venerdì. Ha minacciato di programmare un processo se non fosse stato raggiunto un accordo.

Sebbene siano arrivate rapidamente, le principali mosse di personale erano ampiamente previste e quasi certamente sono il primo di molti grandi cambiamenti che il mercuriale CEO di farà.

Musk si è scontrato privatamente con Agrawal ad aprile, immediatamente prima di decidere di fare un’offerta per l’azienda, secondo i messaggi di testo poi rivelati nei documenti del tribunale.

Più o meno nello stesso periodo, ha usato Twitter per criticare Gadde, il principale avvocato dell’azienda. I suoi tweet sono stati seguiti da un’ondata di molestie nei confronti di Gadde da parte di altri account Twitter.

Per Gadde, un dipendente di Twitter da 11 anni che dirige anche le politiche pubbliche e la , le molestie includevano attacchi razzisti e misogini, oltre alle richieste di licenziamento da parte di Musk. Giovedì, dopo essere stata licenziata, i tweet molesti si sono riaccesi.

Le modifiche di Musk mireranno ad aumentare la base di abbonati e le entrate di Twitter.

Cos’altro sta cambiando Musk?

Nella sua prima grande mossa all’inizio di giovedì, Musk ha cercato di calmare gli inserzionisti di Twitter diffidenti dicendo che sta acquistando la piattaforma per aiutare l’umanità e non vuole che diventi un “paesaggio infernale tutti contro tutti”.

Il messaggio sembrava mirare a rispondere alle preoccupazioni tra gli inserzionisti – la principale fonte di entrate di Twitter – secondo cui i piani di Musk di promuovere la riducendo la moderazione dei contenuti apriranno le porte a una maggiore tossicità online e allontaneranno gli utenti.

“Il motivo per cui ho acquisito Twitter è perché è importante per il futuro della civiltà avere una piazza cittadina digitale comune, dove un’ampia gamma di credenze può essere discussa in modo sano, senza ricorrere alla violenza”, ha scritto Musk in un insolitamente lungo messaggio per il CEO di Tesla, che in genere proietta i suoi pensieri in tweet di una riga.

Ha continuato: “Attualmente esiste un grande pericolo che i social media si spezzino in camere d’eco di estrema destra e di estrema sinistra che generano più odio e dividono la nostra società”.

Musk ha precedentemente espresso disgusto per la e la dipendenza di Twitter da essa, suggerendo una maggiore enfasi su altri modelli di gli abbonamenti a pagamento che non consentiranno alle grandi aziende di dettare politiche sul funzionamento dei social media. Ma giovedì ha assicurato agli inserzionisti che vuole che Twitter sia “la piattaforma pubblicitaria più rispettata al mondo”.

‘Caldo e accogliente a tutti’

La nota è un cambiamento rispetto alla posizione di Musk secondo cui Twitter sta violando ingiustamente i diritti della libertà di parola bloccando la disinformazione o il contenuto grafico, ha affermato Pinar Yildirim, professore associato di marketing presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania.

Ma è anche una consapevolezza che non avere moderazione dei contenuti è dannoso per gli affari, mettendo Twitter a rischio di perdere inserzionisti e abbonati, ha affermato.

“Non vuoi un posto in cui i consumatori siano semplicemente bombardati da cose di cui non vogliono sentire parlare e la piattaforma non si assume alcuna responsabilità”, ha affermato Yildirim.

Musk ha affermato che Twitter dovrebbe essere “caldo e accogliente con tutti” e consentire agli utenti di scegliere l’esperienza che desiderano vivere.

La scadenza di venerdì per concludere l’affare è stata ordinata dalla Delaware Chancery Court all’inizio di ottobre. È l’ultimo passo di una battaglia iniziata ad aprile con Musk che ha firmato un accordo per acquisire Twitter, poi ha cercato di ritirarsi, portando Twitter a citare in giudizio il CEO di Tesla per costringerlo a portare a termine l’acquisizione. Se le due parti non rispettano la scadenza di venerdì, il passo successivo potrebbe essere un processo di novembre che potrebbe portare a un giudice che costringe Musk a completare l’accordo.

Ma Musk ha segnalato che l’accordo sta andando a buon fine. Mercoledì è entrato nel quartier generale dell’azienda a San Francisco portando un lavandino in porcellana, ha cambiato il suo profilo Twitter in “Chief Twit” e ha twittato “Entrando nel quartier generale di Twitter, lascia che affondi!”

E durante la notte la Borsa di New York ha notificato agli investitori che sospenderà la negoziazione di azioni di Twitter prima della campanella di apertura venerdì in attesa che la società diventi privata sotto Musk.

Musk dovrebbe parlare direttamente con i di Twitter venerdì se l’accordo sarà finalizzato, secondo una nota interna citata in diversi media. Nonostante la confusione interna e il morale basso legati ai timori di licenziamenti o allo smantellamento della cultura e delle operazioni dell’azienda, questa settimana i leader di Twitter hanno accolto con favore almeno esteriormente l’arrivo e i messaggi di Musk.

La top sales executive Sarah Personette, chief customer officer dell’azienda, ha detto di aver avuto una “grande discussione” con Musk mercoledì e sembrava approvare il suo messaggio di giovedì agli inserzionisti.

“Il nostro continuo impegno per la sicurezza del marchio per gli inserzionisti rimane invariato”, ha twittato Personette giovedì. “Guardando al futuro!”

L’apparente entusiasmo di Musk nel visitare la sede di Twitter questa settimana era in netto contrasto con uno dei suoi precedenti suggerimenti: l’edificio dovrebbe essere trasformato in un rifugio per senzatetto perché così pochi dipendenti effettivamente lavoravano lì.

Il Washington Post ha riferito la scorsa settimana che Musk ha detto ai potenziali investitori che prevede di tagliare tre quarti dei 7.500 dipendenti di Twitter quando diventerà il proprietario dell’azienda. Il giornale ha citato documenti e fonti anonime a conoscenza della delibera.

Una nota per gli inserzionisti

Musk ha passato mesi a deridere gli “spam bot” di Twitter e fare dichiarazioni talvolta contraddittorie sui problemi di Twitter e su come risolverli. Ma ha condiviso alcuni dettagli concreti sui suoi piani per la piattaforma dei social media.

La nota di giovedì agli inserzionisti mostra una ritrovata enfasi sulle entrate pubblicitarie, in particolare la necessità che Twitter fornisca più “annunci pertinenti”, il che in genere significa annunci mirati che si basano sulla raccolta e sull’analisi delle informazioni personali degli utenti.

Yildirim ha affermato che, a differenza di Facebook, Twitter non è stato bravo a indirizzare la pubblicità a ciò che gli utenti vogliono . Il messaggio di Musk suggerisce che vuole aggiustarlo, ha detto.

Jasmine Eenberg, analista principale di Insider Intelligence, ha affermato che Musk ha buone ragioni per evitare una massiccia riorganizzazione del business pubblicitario di Twitter perché i ricavi di Twitter hanno subito un duro colpo dall’indebolimento dell’economia, mesi di incertezza che circondano la proposta di acquisizione di Musk, il cambiamento dei comportamenti dei consumatori e il fatto che “non c’è altra fonte di entrate in attesa dietro le quinte”.

“Anche un leggero allentamento della moderazione dei contenuti sulla piattaforma spaventerà sicuramente gli inserzionisti, molti dei quali trovano già gli strumenti di sicurezza del marchio di Twitter carenti rispetto ad altre piattaforme social”, ha affermato Eenberg.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare