Varun Dhawan soffre di una condizione che causa problemi alla vista e all’equilibrio: cosa devi sapere

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Varun Dawan

Il popolare attore di Bollywood Varun Dhawan ha recentemente rivelato in un’intervista di aver combattuto contro una malattia chiamata ipofunzione vestibolare.

Tenendosi impegnato con la promozione di un’imminente uscita cinematografica, il 35enne ha parlato delle sue condizioni di salute e di ha affrontato questa rara condizione. Varun ha condiviso questi aggiornamenti sulla salute durante un’intervista all’India Today Mumbai Conclave 2022. Dando un altro aggiornamento sulla salute più tardi quel giorno, ha ringraziato i suoi fan e ha condiviso che sta gestendo la condizione con cambiamenti nello stile di vita.

Varun Dhawan soffre di ipofunzione vestibolare. Cortesia dell’: Instagram/VarunDhawan

Varun Dhawan rivela di soffrire di ipofunzione vestibolare

Dhawan ha detto nell’intervista: “Recentemente, ho appena chiuso. Non sapevo cosa mi fosse successo. Ho avuto questa cosa chiamata ipofunzione vestibolare, (dove) praticamente il tuo equilibrio si interrompe. Ma mi sono appena spinto così tanto. Stiamo solo correndo in questa gara, nessuno si chiede perché. Penso che ci sia uno scopo più grande (perché) siamo tutti . Sto cercando di trovare e, si spera, le persone troveranno il loro”.

Subito dopo la rivelazione, i fan dell’attore lo hanno inondato di amore e supporto, in seguito al ha twittato un altro aggiornamento sulla sua salute.

Che cos’è l’ipofunzione vestibolare?

Secondo il dottor Shobha N, consulente neurologo e medico dell’ictus, Manipal Hospital, Malleshwaram, Bengaluru, la condizione può essere causata da fattori centrali o periferici. Può anche accadere a causa di un’, tossine, traumi, malattie genetiche o autoimmuni, tumori o neurodegenerazione. Tuttavia, le cause del 50 per cento dei casi di ipofunzione vestibolare non sono note.

A volte, anche ascoltare musica ad alto volume può contribuire al problema.
“Iniezioni come aminoglicosidi e diuretici possono agire come tossine per gli organi vestibolari, traumi all’orecchio o alla regione della testa e del collo, alcune malattie genetiche e anche la neurodegenerazione possono essere ipofunzioni vestibolari. Ma nel 50% dei casi, potremmo non essere in grado di trovare una causa”, aggiunge.

Sintomi di ipofunzione vestibolare

I sintomi comuni della malattia includono vertigini, squilibrio, sfocatura visiva, nausea e vomito, secondo il neurologo. “Gli organi vestibolari e l’ottavo nervo sono necessari per la fissazione dello sguardo. Se l’input dagli organi vestibolari è inadeguato, la fissazione dello sguardo non sarà appropriata e, per questo motivo, il paziente avrà difficoltà a stare in piedi, camminare e guidare. I pazienti possono anche avere cadute ricorrenti”, spiega.

e gestione

Secondo l’esperto, il trattamento dipende in gran parte dalla causa della malattia. , traumi e tossine dovrebbero essere trattati ed evitati non appena si incontrano. Ogni volta che si sospetta un’ipofunzione vestibolare, sono necessari esami neurologici e ORL dettagliati per arrivare a una diagnosi. Oltre ai farmaci, una delle parti più importanti della gestione della condizione è la riabilitazione vestibolare.

Sintomi di ipofunzione vestibolare
Saper gestire l’ipofunzione vestibolare. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Per quanto riguarda la gestione della condizione, suggerisce numerosi esercizi vestibolari che possono essere personalizzati in base alle condizioni cliniche del paziente e alla causa. Alcuni degli esercizi che suggerisce includono:

1. Allenare gli occhi: per questo, il paziente deve stare seduto sul letto, guardare in alto e in basso da un lato all’altro con gli occhi e il ritmo deve essere gradualmente aumentato.
2. Il paziente deve sedersi e alzare le spalle e poi alzarsi in piedi, camminando in equilibrio e passando la palla da una mano all’altra.
3. Esercizi per l’equilibrio del corpo.
4. Esercizi per contrastare il movimento che provoca vertigini.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare