“Una gioia per lui”: il ragazzo con paralisi cerebrale ora può camminare e giocare usando questo esoscheletro

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"Una gioia per lui": il ragazzo con paralisi cerebrale ora può camminare e giocare usando questo esoscheletro

David, un di otto anni, che soffre di paralisi cerebrale, ha difficoltà a muovere il corpo e da anni fa affidamento su una sedia a rotelle.

La condizione neurologica lo ha anche reso . Comunica con i suoi genitori nella lingua dei segni.

Ora gli piace giocare con una palla e disegnare tanto quanto gli altri bambini della sua età, grazie a un nuovo esoscheletro robotico.

“All’inizio lo spaventava e le sue mani erano molto tese”, ha detto la madre di David, Guadalupe Cardoso.

Questa è la terza volta che David l’esoscheletro pediatrico Atlas 2030 come parte di sessioni di terapia fisica e Cardoso può già vedere il miglioramento.

“Vedo che dà ai suoi piedi più forza e miglioramento nel camminare. Cammina molto interessato, è lì che fa i primi passi. È una gioia per lui. È molto felice”.

Anche entusiasti della tecnologia sono i terapisti che indossano pazientemente il robot indossabile sui bambini, esultando e applaudendo mentre i loro piccoli pazienti fanno progressi.

“Motivazione per ottenere molte cose in futuro”

“Ci rende molto entusiasti di avere l’esoscheletro e che possiamo anche usarlo ora per ottenere tutto questo”, ha detto il 28enne fisioterapista Arturo Palafox Sanchez.

“Ci motiva come terapeuti che saremo in grado di ottenere molte cose in futuro”.

L’Associazione messicana per le persone con paralisi cerebrale (APAC) ha ricevuto il dispositivo due settimane fa e mira ad aiutare almeno 200 bambini con paralisi cerebrale a livello nazionale.

Dopo e , il è il terzo Paese a offrire cure con il dispositivo.

“Stiamo vedendo risultati con i bambini e vogliamo continuare a lavorare e responsabilizzare, in modo che più bambini in e in campagna abbiano accesso a questo tipo di riabilitazione, perché riceviamo sempre bambini che hanno bisogno di riabilitazione neurorobotica e questo cambia radicalmente le loro vite”, ha detto il direttore dell’APAC Guadalupe Maldonado.

Secondo Maldonado, il robot indossabile aiuta a raggiungere “in tempi record” gli obiettivi riabilitativi che richiederebbero mesi per essere raggiunti con le convenzionali, come il rafforzamento dei muscoli e il miglioramento del sistema digerente e polmonare dei pazienti.

Ma soprattutto, dice che il dispositivo fornisce una notevole spinta al loro morale.

L’esoscheletro pediatrico Atlas 2030 è appositamente progettato per bambini tra i 3 ei 14 anni. Sostiene il bambino dal tronco ai piedi senza controllo toracico.

La sua creatrice Elena García Armada ha vinto l’European Inventor Award 2022.

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il nel lettore multimediale sopra.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare