“Pensavo che prendere un prestito per investire in criptovalute fosse una buona decisione. Poi ho perso la maggior parte di esso’

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"Pensavo che prendere un prestito per investire in criptovalute fosse una buona decisione.  Poi ho perso la maggior parte di esso'

Prendere un per acquistare criptovalute è saggio? Quasi un quarto degli investitori statunitensi sembra pensarla così.

Un recente sondaggio di DebtHammer, che ha intervistato 1.500 investitori negli , ha rilevato che il 21% degli investitori ha affermato di aver utilizzato un prestito per pagare i propri investimenti in criptovalute.

Questi prestiti erano spesso a tassi esorbitanti, con i prestiti personali tra le scelte più gettonate. Di tutte le persone che hanno affermato di aver preso un prestito per , il 15% ha affermato di aver utilizzato un prestito personale.

Secondo il rapporto, altri metodi di finanziamento degli investimenti in criptovalute provenivano da prestiti con anticipo sullo stipendio, rifinanziamenti di mutui, prestiti per la parità domestica, prestiti di titoli e fondi rimanenti dai prestiti agli studenti.

Il sondaggio ha anche evidenziato che circa il 10% delle persone che hanno utilizzato prestiti con anticipo sullo stipendio lo hanno utilizzato per acquistare criptovalute: la maggior parte ha preso in prestito tra $ 500 (€ 503) e $ 1.000 (€ 1.007).

Ma perché così tanti si rivolgono ai prestiti per finanziare investimenti in criptovaluta in primo luogo ed è un modo sensato per sostenere le tue finanze? Alcuni hanno avuto successo nel farlo; altri non sono convinti che sia la decisione giusta.

Prendere prestiti per pagare le criptovalute

Un neolaureato di Leeds, in Inghilterra, che desiderava rimanere anonimo, ha detto a Euronews Next di aver utilizzato un prestito con anticipo sullo stipendio per acquistare per un valore di £ 600 (€ 712) ’inizio di quest’anno.

“All’epoca ho pensato che fosse una buona decisione”, hanno detto. “Ma il prezzo ha continuato a scendere: ho perso una parte significativa del mio investimento”.

I di DebtHammer mostrano che questo non è un problema isolato.

Quasi il 19% degli intervistati ha affermato di aver faticato a rimborsare almeno un conto a del proprio investimento in criptovalute, mentre il 15% ha affermato di essere preoccupato per lo sfratto, il pignoramento o il sequestro di auto.

Altri, tuttavia, sostengono che se i prestiti vengono utilizzati in modo ragionevole, investire in criptovalute può essere un’opzione praticabile.

Aaron Griffiths, di Chester, in Inghilterra, ha preso un prestito personale di £ 6.000 (€ 7.117) per pagare un conto di un veterinario di £ 4.000 (€ 4.745), il resto lo ha investito nelle varie valute digitali: Digitbyte, Bax, Telcoin, Solana e Opulous e un certo numero di NFT.

“La durata del prestito è di sei anni; sono sicuro che avrò raccolto abbastanza profitti da coprire almeno gli interessi per allora… forse di più”, ha detto a Euronews Next.

Osserva di aver deliberatamente stipulato un prestito più ampio per garantire tassi di interesse più bassi.

“Avrei potuto mettere [left over from the vet’s bill] tornare subito in prestito, ma all’epoca aveva più senso metterlo in qualcosa che aveva già fatto bene e vedere cosa succede”, ha aggiunto Griffiths.

Detto questo, sottolinea di aver preso la decisione con abbastanza soldi da risparmiare in caso di crollo del mercato.

“Non farei qualcosa di così sciocco”, ha detto. “Ripagare il prestito non è una preoccupazione per me, fortunatamente ho un reddito abbastanza buono”.

Da quando ha effettuato l’investimento 12 mesi fa, Griffiths nota che i suoi profitti sono attualmente in calo “ma irrilevanti”.

“Non ho perso nulla nel grande schema delle cose”, ha continuato. “Ci sono stati momenti in cui avrei potuto andarmene con un profitto”.

Alla domanda se incoraggerebbe gli altri a fare lo stesso, Griffiths osserva che davvero “dipende se hanno un piano. Personalmente non prenderei in prestito solo per investire: ti risentiresti dei rimborsi se perdessi i soldi”.

La criptovaluta offre una soluzione per chi ha un punteggio di credito basso

Le piattaforme di criptovaluta consentono inoltre agli utenti con punteggi di credito bassi di prendere in prestito denaro in un modo meno regolamentato.

Un individuo che desiderava rimanere anonimo ha detto a Euronews Next di aver utilizzato la piattaforma di criptovaluta Binance per prendere in prestito denaro un modo per negare i regolamenti bancari tradizionali per acquistare un’auto.

“Ho un risparmio di circa $ 5.000 [€5,017], tuttavia, per una serie di motivi, ho dovuto seguire un piano di rimborso del debito. Ciò significava che il mio punteggio di credito era letteralmente zero e nessuno mi avrebbe prestato denaro”, ha detto a Euronews Next.

“Anche con il risparmio, una banca tradizionale non mi permette di prendere in prestito contro di essa e non ha modo di aumentare di valore poiché i tassi di interesse sono così bassi”.

Usando Binance, è stato in grado di prendere in prestito il 70% del prestito a valore (LTV) e quindi mettere in gioco il denaro per aiutare a pagare gli interessi.

“In quattro mesi, ho pagato $ 4 [€4] in interessi e rimborsato il 50 per cento del prestito”, ha osservato.

“In quale altro luogo potrei prendere un prestito che aiuta a rimborsare i propri interessi e utilizzare i miei risparmi attuali come garanzia?

“L’ho fatto quando il mercato era davvero basso, quindi con l’aumento dei prezzi, ne traggo anche vantaggio dall’aumento del mio investimento”.

Ci sono ovviamente dei rischi per questa strategia, osserva che il mercato è altamente volatile, come si è visto nell’ultimo crollo delle criptovalute.

Tuttavia, “lo scenario peggiore è che le sue partecipazioni vengano liquidate. Non è peggio che dover comunque usare i miei risparmi per comprare un’auto”, ha detto.

L’alfabetizzazione finanziaria e l’educazione alle criptovalute possono prevenire il debito?

Sebbene ci siano alcune circostanze in cui prendere in prestito denaro per investire nel mercato delle criptovalute può essere fattibile, i dati mostrano che spesso porta le persone in difficoltà finanziarie.

Allora, perché le persone prendono la decisione? Secondo il dottor Konstantinos Stylianou, professore di diritto e regolamentazione della concorrenza all’Università di Leeds con particolare attenzione ai mercati digitali, è perché “la stragrande maggioranza delle persone è analfabeta finanziariamente”.

“Non credo sia una buona idea [to invest in crypto with a loan]. Penso che le persone dovrebbero essere molto più attente in termini di come investono; indebitarsi è rischioso”, ha detto Stylianou a Euronews Next.

“Questo è esattamente il motivo per cui vogliamo regolamentare le criptovalute”, ha continuato.

Stylianou sostiene che la regolamentazione delle criptovalute proteggerebbe i clienti fornendo loro una maggiore comprensione di ciò in cui stanno investendo, in particolare se si tratta di indebitarsi per finanziare l’investimento.

Paragona la mancanza di istruzione e regolamentazione sugli investimenti nel mercato delle criptovalute a mutui e altri prestiti, in cui le persone sono tenute a guardare un approfondito o leggere numerosi documenti su ciò a cui le persone si stanno iscrivendo.

Con il mercato delle criptovalute sempre più accessibile, la mancanza di istruzione nei mercati delle criptovalute e dell’alfabetizzazione finanziaria, in generale, può portare alcuni a investire in decisioni sbagliate.

“Fa parte del ruolo di un’autorità di regolamentazione proteggere i clienti – perlomeno ciò che le autorità di regolamentazione vogliono assicurarsi è che i clienti ottengano maggiori informazioni”, ha aggiunto Stylianou.

“Apprezzo che una parte del fascino delle criptovalute siano i guadagni folli, così come il sistema finanziario bibliotecario e non tradizionale, non gestito o controllato dalle grandi banche”, ha osservato.

“Posso vedere come le persone siano attratte da questa forma di investimento. Le persone sono libere di scegliere il tipo di profilazione di investimento che desiderano per se stesse: possono essere rischiose quanto vogliono.

“Ma penso che il rischio maggiore della criptovaluta sia che, se le persone sono normalmente analfabeti finanziariamente, cosa che sono, sono dieci volte meno informate su cosa sono le criptovalute, come funzionano e come vengono valutate – e quindi, quale le prospettive future sono”, ha concluso Stylianou.

“Davvero non penso che sia una buona idea investire più di quanto le persone possono permettersi di perdere, compreso l’assunzione di debiti”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews ( “Pensavo che prendere un prestito per investire in criptovalute fosse una buona decisione. Poi ho perso la maggior parte di esso’
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare