Overtourism: tutte le bellezze spagnole che devi prenotare in anticipo per visitare

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Overtourism: tutte le bellezze spagnole che devi prenotare in anticipo per visitare

La Spagna è nota per le sue spiagge di sabbia bianca, i paesaggi aspri e gli ampi panorami.

Ma questi splendidi paesaggi sono minacciati dal calpestio e dai maltrattamenti di migliaia di .

Secondo a indagine da Eco-union, una ONG ecologica, 16 milioni di visitatori visitano i parchi nazionali spagnoli ogni anno, con un aumento del 77% negli ultimi due decenni.

“Nella maggior parte dei parchi nazionali spagnoli, situazioni di saturazione dei visitatori si verificano in determinati periodi dell’anno”, avverte Eco-union.

“Si sono intensificati nelle aree protette in generale negli ultimi anni”.

Per proteggere queste bellezze naturali, molte regioni spagnole hanno imposto limiti e restrizioni ai visitatori.

Se stai programmando una visita in uno di questi luoghi meravigliosi, ecco cosa devi sapere.

Quali destinazioni turistiche spagnole stanno limitando i visitatori?

La maggior parte dei parchi nazionali spagnoli impone alcune restrizioni ai visitatori in arrivo.

Parco Nazionale di Doñana, Andalusia

Famoso per le sue zone umide e il ‘tappeto rosa’ di fenicotteri, questo Parco Nazionale limita i visitatori giornalieri su diverse rotte popolari: ad esempio, solo 886 persone sono ammesse al giorno sulle rotte da Huelva a El Acebuche e El Rocío.

Per conquistare il tuo posto, puoi prenotare una visita guidata online attraverso alcuni siti Web diversi. Se desideri esplorare il parco da solo, puoi percorrere i sentieri del lungomare intorno ai cinque centri visitatori.

Parco Nazionale Martimo-Terrestre de Cabrera, Isole Baleari

Questo vasto parco marino – il più grande della Spagna – copre 908 chilometri quadrati. Prevalentemente oceanico, vanta anche l’isolato arcipelago di Cabrera. Impedire , i visitatori in devono richiedere un pass e possono ancorare solo in due luoghi specifici. Le immersioni subacquee sono strettamente limitate. È possibile prenotare pass per entrambe le attività qui.

Parco Nazionale del Teide, Tenerife

Il monte Teide è il più grande e il più antico dei monti parchi nazionali. È anche uno dei più popolari, con 15 milioni di visitatori ’anno. Se vuoi scalare il suo antico vulcano, prenota in anticipo qui – solo 200 persone al giorno sono ammesse sull’ultimo tratto di sentiero fino alla vetta del Teide.

Parchi nazionali di Murcia

Le auto private sono fortemente limitate nei parchi naturali regionali di Calblanque, Monte de las Cenizas e Pea del Guila. Durante la pre-stagione, il numero di auto in ogni parco non può superare il numero di posti auto, una regola che viene applicata alle barriere di ingresso presidiate. Tra la fine di giugno e agosto, i veicoli privati ​​sono completamente vietati, con i visitatori offerti invece gli autobus.

Parco Nazionale Picos de Europa, Asturie

Durante l’alta stagione, i turisti possono raggiungere i famosi laghi di Covadonga solo in autobus o taxi autorizzato. La strada può essere chiusa con breve preavviso quando il parcheggio si riempie.

Praia das Catedrais, Galizia

Le “cattedrale” spiaggia è famosa per le sue maestose formazioni rocciose naturali, scolpite dal mare nel corso di migliaia di anni. Per visitare da luglio a settembre e durante la Settimana Santa (2-8 aprile 2023) è necessario prenotare online il biglietto gratuito in anticipo. I visitatori sono limitati a 5.000 al giorno e puoi prenotare qui.

San Juan de Gaztelugatxe, Paesi Baschi

Questa piccola isola è diventata famosa in tutto il dopo essere stata descritta nel famoso show televisivo Il Trono di Spade. La visita è gratuita, ma se vuoi salire i suoi gradini tortuosi, assicurati di prenotare un biglietto prima della visita. Solo 1.500 visitatori sono ammessi a visitare al giorno ed è possibile prenotare qui.

Parco Nazionale della Sierra de Guadarrama,

Le piscine verdi di La Charca Verde sono un luogo di bellezza popolare. Di fronte all’erosione del suolo e all’interruzione della fauna, l’autorità del parco nazionale ha limitato a 270 il numero di visitatori giornalieri in auto. È possibile trovare dettagli sulle restrizioni qui.

Parco Naturale dell’Urbasa

Il fiume Urederra vanta splendide acque turchesi e cascate che scorrono. Tuttavia, l’accesso alla sorgente del fiume è ora limitato a 500 veicoli al giorno. Ulteriori informazioni su restrizioni e prenotazioni sono disponibili qui.

Riserva della Biosfera della Valle de Cabriel, Castilla–La Mancha

Questa famosa zona è conosciuta come l’ambientazione di Don Chisciotte della Mancia. Ospita anche le cascate di Chorreras del Cabriel a Cuenca, ma solo 400 persone al giorno possono entrare nella riserva circostante. Puoi prenotare online qui.

Altri parchi nazionali con un numero massimo di visitatori includono il Parco Naturale della Serra d’Irta a Valencia e il Parco Nazionale di Ordesa e Monte Perdido in Aragona.

In altro modo la Spagna limita il turismo?

I parchi nazionali non sono le uniche destinazioni spagnole imponenti restrizioni sui turisti.

La Spagna è il secondo Paese più visitato al mondo, dopo la Francia. Il turismo è un pilastro importante dell’economia, ma fa anche aumentare i prezzi per la gente del posto, creando città proibitivamente costoso.

Per contrastare gli effetti dell’eccessivo turismo, il Barcellona addebita a tassa turistica, i visitatori devono sborsare € 3 per una permanenza superiore a 12 ore e € 1 per una permanenza inferiore a 12 ore. Questi costi, insieme a un supplemento di € 1,75 esistente, vengono comunemente aggiunti al prezzo della prenotazione di crociere o .

All’inizio di quest’anno, le autorità hanno annunciato a tassa specifica per la crociera per aiutare a frenare il inquinamento che queste navi giganti portano. Non hanno ancora delineato quanto riporterà indietro i passeggeri.

Altrove, molti hotspot non hanno necessariamente un problema con il numero di visitatori ricevono – ma con il modo in cui si comportano questi visitatori.

A giugno, uno dei quartieri di festa più popolari di Maiorca – Playa de Palma – vietato l’ingresso nei ristoranti alle persone che indossano magliette da calcio. Faceva parte di un codice di abbigliamento più ampio progettato per scoraggiare gli ubriachi cattivo comportamento.

Questa nuova restrizione integra le norme esistenti che limitano il cosiddetto “turismo in eccesso”. Resort a Magaluf, Playa de Palma e San Antonio a Ibiza hanno bandito le offerte all-you-can-drink, i bar crawl e gli happy hour tra le altre misure per frenare il consumo eccessivo di .

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Overtourism: tutte le bellezze spagnole che devi prenotare in anticipo per visitare
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare