La Nuova Zelanda approva una legge unica sull’età minima per il tabacco che mira a vietare il fumo per la prossima generazione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La Nuova Zelanda approva una legge unica sull'età minima per il tabacco che mira a vietare il fumo per la prossima generazione

La ha approvato un piano unico per eliminare gradualmente il fumo di per la prossima generazione, imponendo un divieto a ai giovani di acquistare sigarette.

La afferma che il tabacco non può mai essere venduto a nessuno a partire dal 1° gennaio 2009 e d’ora in poi l’età minima per l’acquisto di sigarette continuerà a salire.

In teoria, qualcuno che cerca di acquistare un pacchetto di sigarette tra 50 anni avrebbe bisogno di un documento d’identità per dimostrare di avere almeno 63 anni.

Ma le autorità sanitarie sperano che il fumo svanisca molto prima di allora. Hanno l’obiettivo dichiarato di rendere la Nuova Zelanda senza fumo entro il 2025.

La nuova legge riduce anche il numero di rivenditori autorizzati a vendere tabacco da circa 6.000 a 600 e diminuisce la quantità di nicotina consentita nel tabacco fumato.

“Non c’è alcuna buona ragione per consentire la vendita di un prodotto che uccide la metà delle persone che lo usano”, ha detto ai parlamentari il ministro associato della Dr. Ayesha Verrall.

“E posso dirvi che porremo fine a tutto questo in futuro, quando passeremo questa legislazione”.

La Nuova Zelanda limita già la vendita di sigarette ai maggiori di 18 anni, richiede che i pacchetti di tabacco vengano forniti con avvertenze sanitarie grafiche e che le sigarette siano vendute in pacchetti standardizzati.

Il Paese negli ultimi anni ha anche imposto una serie di pesanti aumenti delle tasse sulle sigarette.

Verrall ha affermato che il di legge creerebbe un cambio generazionale, mentre il sistema sanitario risparmierebbe miliardi dal non dover curare malattie causate dal fumo, cancro, infarti e ictus.

“Divieto di balia statale”

I legislatori hanno votato lungo le linee del partito approvando la legislazione da 76 a 43.

Il partito libertario ACT, che si è opposto al disegno di legge, ha affermato che molti piccoli negozi d’angolo, conosciuti in Nuova Zelanda come caseifici, fallirebbero perché non sarebbero più in grado di vendere sigarette.

“Siamo contrari a questo disegno di legge perché è un cattivo disegno di legge e la sua cattiva , è così diretta e semplice”, ha affermato Brooke van Velden, vice leader di ACT. “Non ci saranno esiti migliori per i neozelandesi”.

Ha detto che il divieto graduale equivaleva a un “divieto da stato balia” che avrebbe finito per creare un grande nero. Ha detto che il divieto non ha mai funzionato e si è sempre concluso con conseguenze indesiderate.

Svapo non influenzato

La legge non riguarda lo svapo, che è già diventato più popolare del fumo in Nuova Zelanda.

Le statistiche della Nuova Zelanda hanno riferito il mese scorso che l’8% degli adulti neozelandesi fumava quotidianamente, in calo rispetto al 16% di dieci anni fa. Nel frattempo, l’8,3% degli adulti svapava ogni giorno, rispetto a meno dell’1% di sei anni fa.

I tassi di fumo rimangono più alti tra gli indigeni Māori, con circa il 20% che dichiara di aver fumato.

La modifica della legge è stata accolta con favore da diverse agenzie sanitarie. La Health Coalition Aotearoa ha affermato che la nuova legge rappresenta il culmine di decenni di dura difesa da parte delle organizzazioni sanitarie e comunitarie.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare