Il Twitter di Elon Musk diventerà un faro della libertà di parola o una scatola di sapone per l’incitamento all’odio?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il Twitter di Elon Musk diventerà un faro della libertà di parola o una scatola di sapone per l'incitamento all'odio?

Questa storia è stata originariamente pubblicata il 1 maggio 2022.

Elon Musk si è definito un “assolutista della libertà di parola”, il che ha allarmato gruppi per i diritti umani e ricercatori che temono che Twitter possa diventare una piattaforma per opinioni estremiste e incitamento all’odio.

Ma la linea sottile tra la libertà di parola e la garanzia che l’incitamento all’odio non causi radicalizzazione o violenza è difficile da bilanciare.

Lo ha affermato il CEO di Tesla e SpaceX in seguito al suo previsto $ 44 miliardi (€ 41,05 miliardi) acquisto di Twitter, è “contro la censura che va ben oltre la legge” e riformerà quella che ritiene essere una moderazione eccessivamente zelante dei tweet.

“Fondamentalmente, abbiamo un problema di estremismo; che si tratti di QAnon o di fermare il furto o di anti-vaccinisti”, ha affermato Karen Kornbluh, ex ambasciatrice degli Stati Uniti presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e ora direttrice del Fondo Marshall tedesco Iniziativa per l’innovazione e la democrazia digitale.

Riferendosi all’ex Il presidente degli Stati Uniti che è stata definitivamente bandita da Twitter per aver diffuso e accusata di aver incitato alla rivolta del gennaio 2021 a Capitol Hill, ha detto a Euronews Next “è [the problem] non banale”.

“Tutto ciò che vieta di fare qualcosa per affrontare l’estremismo violento è un problema per la democrazia e i valori democratici”, ha affermato Kornbluh.

“L’FBI mette in guardia contro l’estremismo violento e l’organizzazione domestica online ed Elon Musk sembra non capirlo o non preoccuparsene e pensa che la moderazione dei contenuti sia una cosa negativa”.

‘Non in bianco e nero’

Ma Musk ha sottolineato che le leggi proteggeranno la piattaforma dall’incitamento all’odio e dagli inviti alla violenza sulla piattaforma.

Ciò potrebbe rivelarsi sufficiente per garantire che tutte le opinioni possano essere rappresentate su Twitter, prevenendo al contempo la diffusione di incitamenti all’odio e inviti alla violenza, afferma il CEO di una piattaforma di che non vieta gli utenti o contenuti eccessivamente moderati.

“La libertà di parola non è davvero in bianco e nero. Questo è un territorio molto disordinato. Abbiamo a che fare con l’umanità”, ha detto a Euronews Next Bill Ottman, CEO e co-fondatore di Minds.

L’azienda è una piattaforma di social media basata su blockchain che utilizza codice open source. L’utente può controllare il tipo di contenuto che sta visualizzando tramite un algoritmo. Ma gli appelli alla violenza e ai contenuti illegali vengono respinti.

Ottman sostiene che se vieti contenuti e utenti più estremi, allora quell’utente improvvisamente non ha alcuna possibilità di essere deradicalizzato perché va “in altri angoli più oscuri di , dove probabilmente peggiorerà”.

“Quindi cerco di avvicinarmi al concetto di libertà di parola dall’onestà anche dal punto di della mentale”, ha detto.

Cambiare

Il CEO ritiene inoltre che attraverso i discorsi sui social media, le persone con visioni estreme possano essere convinte a passare al pensiero razionale.

Minds ha collaborato con il musicista blues Darly Davis, un uomo di colore che ha deradicalizzato più di 200 membri del Ku Klux Klan facendo loro amicizia.

“Per un uomo di colore andare a fare amicizia con i membri del KKK, sembra completamente folle. Ma in realtà, questo è ciò che può avere un effetto reale. Se abbandoni queste persone, indovina un po’? Non cambieranno”, ha detto Ottman.

Mentre Ottman ammette che possono volerci anni per cambiare la mente di coloro che sono radicalizzati e talvolta non lavorano affatto, potrebbe funzionare sui social media.

“Se vedi un post odioso da un lato potresti offenderti e rovinarti la giornata. Ma se lo guardi attraverso l’obiettivo di Darryl, vedi che potresti vederlo come un’opportunità di dialogo”, ha detto.

“Non significa che gli farai cambiare idea. In effetti, quello che ci dice Darrell è che, sai, queste conversazioni richiedono anni”.

Ma consentire tutte le opinioni sui social media è difficile da bilanciare poiché Minds ha dovuto affrontare critiche per l’hosting contenuto neonazista.

‘Controllo totale’

L’altro problema è come le piattaforme di social media utilizzano algoritmi, che estraggono dati sugli utenti e quindi utilizzano le informazioni per mantenerli sul sito il più a lungo possibile, facendo guadagnare ai siti di social media più soldi attraverso la pubblicità.

Gli algoritmi possono anche controllare ciò che gli utenti vedono, sia che si tratti di contenuti di estrema sinistra o di estrema destra.

Musk ha detto che ha intenzione di renderli open source, il che renderebbe la piattaforma più trasparente in termini di ciò che viene promosso o retrocesso e se il divieto ombra, il processo di cosa o chi viene bloccato sta accadendo.

Ma un altro problema è avere una sola persona che controlla Twitter.

Se l’acquisto di Musk fosse approvato dagli azionisti, sarebbe l’unico responsabile della piattaforma.

“Questo è un processo di controllo totale sulla piattaforma, non solo il 14 percento. È più di questo”, ha affermato Miguel Moreno, professore e vice decano di infrastrutture, e digitalizzazione presso l’Università di .

“Dà il potere di cambiare il nucleo tecnologico della piattaforma, anche con la trasparenza nell’uso dell’algoritmo c’è un ampio margine per applicare interesse e influenza in direzioni sottili”, ha detto a Euronews Next.

Tuttavia, in realtà, Musk potrebbe non essere in grado di cambiare molto la piattaforma per quanto riguarda la moderazione.

Il Digital Services Act entrerà in vigore il prossimo anno in . La proposta della Commissione europea mira a creare uno spazio digitale più sicuro e significa che Musk dovrà continuare le attuali politiche di moderazione di Twitter o affrontare multe fino al sei per cento del fatturato globale di Twitter e persino vietare alla piattaforma di operare nell’UE.

“Libertà di parola significa cose diverse in luoghi diversi. Ciò che Musk propone è libertà senza responsabilità”, ha affermato Robin Mansell, professore di New Media e Internet presso la London School of Economics and Political Science.

“Se una piattaforma non è moderata, diventa una piattaforma per le controversie politiche e coloro a cui non piacciono se ne andranno”, ha detto a Euronews Next.

“Non credo che la piattaforma cambierà molto a causa della regolamentazione di diversi paesi e sarà preoccupato per i profitti e per quanti soldi guadagna la piattaforma”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare