Il tuo gruppo sanguigno può influenzare il rischio di avere un ictus prima dei 60 anni, secondo lo studio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il tuo gruppo sanguigno può influenzare il rischio di avere un ictus prima dei 60 anni, secondo lo studio

I ricercatori hanno scoperto che le persone con sangue di tipo A possono essere più a rischio di avere un ictus prima dei 60 anni rispetto ad altri gruppi sanguigni.

Al contrario, secondo la nuova meta-analisi, quelli con gruppo sanguigno O hanno meno probabilità di avere un ictus a esordio precoce.

La è stata condotta da un team guidato da scienziati della University of Maryland School of Medicine negli , che ha esaminato la relazione tra caratteristiche genetiche il gruppo sanguigno e la loro relazione con l’ictus.

Per fare ciò, hanno esaminato i dati di 48 studi genetici sugli ictus ischemici negli adulti di età compresa tra i 18 ei 59 anni. Gli ictus ischemici sono causati da un blocco del flusso sanguigno al .

In totale, gli studi hanno incluso circa 17.000 pazienti con ictus e quasi 600.000 controlli sani che non avevano mai avuto un ictus.

“Eravamo interessati a cercare di identificare i determinanti genetici dell’ictus”, ha detto a Euronews Next il ricercatore co-principale dello studio Braxton Mitchell.

“Per l’ictus, sappiamo da molto tempo che esiste una grande componente ambientale, ma c’è anche una componente genetica”, ha affermato Mitchell, professore di medicina presso la University of Maryland School of Medicine.

Per esaminare ulteriormente questo aspetto, lui ei suoi colleghi hanno esaminato i profili genetici delle persone e hanno finito per trovare un collegamento tra l’ictus a esordio precoce e l’area del cromosoma che include il gene che determina il gruppo sanguigno di una persona.

Gli esseri umani hanno quattro gruppi sanguigni principali, A, B, AB e O, e il gruppo sanguigno di una persona è determinato dai geni che ereditano dai genitori. Il gruppo sanguigno O è il più comune.

Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che coloro che hanno avuto un ictus ad esordio precoce avevano maggiori probabilità di avere un gruppo sanguigno A e meno probabilità di avere un gruppo sanguigno O, rispetto alle persone con ictus tardivo e alle persone che non avevano mai avuto un ictus.

“Avere sangue di tipo A aumenta il rischio di circa il 16% di ictus a esordio precoce, ma solo del 5% circa per ictus a esordio successivo”, ha affermato Mitchell.

“Se hai il gruppo sanguigno O, hai il 12% in meno di probabilità di avere un ictus a esordio precoce, rispetto a solo il 4% in meno di probabilità di avere un ictus a esordio tardivo”.

Aumento del rischio di ictus molto modesto

Ma sebbene i ricercatori abbiano trovato associazioni tra avere un gruppo sanguigno A e il rischio di ictus a esordio precoce, hanno sottolineato che l’aumento del rischio era molto modesto.

Sottolineano che quelli con sangue di tipo A non dovrebbero preoccuparsi di avere un ictus a esordio precoce, o impegnarsi in ulteriori screening o test medici sulla base di questo risultato.

“Clinicamente, non dovremmo essere preoccupati per i nostri gruppi sanguigni che ci mettono ad alto rischio di ictus”, ha detto Mitchell.

“Ci sono altri fattori di rischio per l’ictus che sono molto più importanti, come l’ipertensione e il fumo, ad esempio. Quindi, se vogliamo ridurre il nostro rischio di ictus, questi sono davvero i fattori a cui dovremmo prestare attenzione”.

Ha aggiunto: “Detto questo, quello che ci chiediamo è se hai quei fattori di rischio e hai anche il gruppo sanguigno A, questo rende quei fattori di rischio ancora più potenti? Non lo sappiamo ancora. Ma questo è uno delle cose che stiamo guardando”.

Non è ancora chiaro il motivo per cui il gruppo sanguigno A conferisca questo rischio più elevato, ma i ricercatori pensano che potrebbe avere qualcosa a che fare con i fattori di coagulazione del sangue.

Altri studi hanno suggerito che le persone con un gruppo sanguigno A hanno un rischio leggermente maggiore di sviluppare coaguli di sangue nelle gambe, noti come trombosi venosa profonda.

“Questo tipo di background pro-coagulazione di avere il gruppo sanguigno A probabilmente ti espone a un rischio maggiore di malattie legate alla coagulazione, di cui l’ictus è una di queste”, ha affermato Mitchell.

Una limitazione dell’analisi era la relativa mancanza di diversità tra i partecipanti, la maggior parte dei quali erano di origine europea, con i ricercatori che accoglievano favorevolmente ulteriori studi di follow-up su una popolazione più diversificata.

“Abbiamo tutti diverse varianti genetiche e le varianti genetiche spesso tendono a raggrupparsi ’interno di diversi gruppi di ascendenza”, ha affermato Mitchell.

“Quindi potremmo perdere alcune varianti importanti guardando solo una piccola rappresentazione dei gruppi di ascendenza”.

Gruppo sanguigno legato al rischio di altre condizioni

Non è solo il rischio di ictus: altre ricerche hanno suggerito collegamenti tra il gruppo sanguigno e il rischio di sviluppare altre condizioni di salute.

Ad esempio, uno studio condotto da scienziati del Scuola di sanità pubblica di Harvard hanno scoperto che le persone con gruppi sanguigni A, B o AB hanno un rischio maggiore di coronarica rispetto alle persone con gruppo sanguigno O.

Quelli con il gruppo sanguigno più raro, AB, avevano il rischio maggiore.

Altri studi hanno suggerito che le persone con sangue di tipo A hanno un rischio maggiore di cancro allo stomacorispetto a quelli con altri gruppi sanguigni.

Vale la pena tenere a mente però che, sebbene gli studi abbiano mostrato una relazione tra il gruppo sanguigno e alcune condizioni di salute, ancora non conosciamo davvero le cause di queste .

Quindi, se hai sangue di tipo A, quanto dovresti essere preoccupato?

Una persona non può davvero cambiare il proprio gruppo sanguigno, sottolinea Mitchell. E ci sono altri fattori di rischio per l’ictus che sono più sotto il controllo di una persona, come le abitudini alla nicotina, la pressione sanguigna, il consumo di e la quantità di esercizio.

“Direi di non essere affatto preoccupato”, ha detto Mitchell. “Penserei a questi altri fattori di rischio modificabili e mi concentrerei su quelli, perché non sono solo fattori di rischio per l’ictus, ma sono fattori di rischio per il cuore malattie e tumori, e così via”.

‘Grande passo’ verso la riduzione del rischio di ictus

Commentando i risultati, Clare Jonas dell’associazione benefica britannica Stroke Association ha affermato che i risultati sono stati un “grande passo” verso un migliore monitoraggio dei fattori di rischio per l’ictus precoce.

“La maggior parte degli ictus si verifica nelle , a di motivi di cui siamo comunemente consapevoli come ipertensione, ispessimento delle arterie o fibrillazione atriale”, ha affermato Jonas, che è Research Communications and Engagement Lead presso la Stroke Association, che fornisce supporto a coloro che hanno subito un ictus.

“Le cause dell’ictus nei giovani adulti non sono così ben comprese, il che le rende più difficili da prevenire”, ha detto in una nota.

“Non sappiamo ancora perché le persone con gruppo sanguigno A potrebbero essere maggiormente a rischio di ictus precoce. Ciò significa che non possiamo ancora sviluppare prevenzioni mirate per ictus precoce”.

“Tuttavia, questa ricerca è un grande passo avanti per aiutare gli operatori sanitari a capire chi trarrebbe maggiori benefici dal monitoraggio di altri fattori di rischio e dall’offerta di interventi per ridurre il rischio”, ha aggiunto.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Il tuo gruppo sanguigno può influenzare il rischio di avere un ictus prima dei 60 anni, secondo lo studio
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare