I robot possono essere più bravi nell’individuare i problemi di benessere mentale nei bambini rispetto ai metodi tradizionali

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
I robot possono essere più bravi nell'individuare i problemi di benessere mentale nei bambini rispetto ai metodi tradizionali

I possono essere efficaci nell’individuare i problemi di benessere mentale nei bambini, ha scoperto un nuovo studio.

Utilizzando un robot umanoide a misura di bambino in uno studio che ha coinvolto 28 bambini, i ricercatori hanno scoperto che il robot potrebbe essere migliore dei test segnalati dai genitori o di auto-segnalazione nel i problemi.

I robotici, gli informatici e gli psichiatri dell’Università di Cambridge hanno studiato come i bambini hanno risposto al robot quando ha posto una serie di domande psicologiche standard.

In alcuni casi, i bambini hanno condiviso con il robot informazioni che non hanno condiviso durante il metodo di valutazione standard dei questionari online o di persona.

I ricercatori affermano che sebbene i robot non siano destinati a sostituire il supporto professionale per la mentale, potrebbero essere un’utile aggiunta ai metodi tradizionali di valutazione della .

Confidarsi in un robot

Studi precedenti hanno utilizzato i robot per aiutare gruppi vulnerabili di persone, come gli anziani o i bambini con autismo.

Uno studio ha esplorato l’uso di robot che conversano con bambini con difficoltà linguistiche per supportare la valutazione e la formazione linguistica.

Ma lo studio dell’Università di Cambridge, che sarà presentato giovedì alla IEEE International Conference on Robot and Human Interactive Communication a , è pensato per essere il primo a studiare come i robot possono aiutare a valutare il benessere mentale dei bambini.

Lo studio è stato condotto dal professor Hatice Gunes, dell’Affective Intelligence and Robotics Laboratory del Dipartimento di e di Cambridge, che in precedenza ha esaminato come i robot socialmente assistiti (SAR) possono essere utilizzati come “allenatori” del benessere mentale per gli adulti.

“Dopo che sono diventata madre, ero molto più interessata a come i bambini si esprimono man mano che crescono e come questo potrebbe sovrapporsi al mio lavoro nella ”, ha detto Gunes.

“I bambini sono abbastanza tattili e sono attratti dalla tecnologia. Se utilizzano uno strumento basato su schermo, vengono ritirati dal mondo fisico. Ma i robot sono perfetti perché sono nel mondo fisico: sono più interattivi, quindi i bambini sono più coinvolti”.

Per lo studio, 28 bambini di età compresa tra gli otto e i 13 anni hanno avuto sessioni individuali con un robot Nao, che è un robot umanoide autonomo e programmabile alto circa 60 centimetri.

Il robot ha svolto quattro attività. In primo luogo, ha posto domande sui ricordi felici e tristi dell’ultima settimana. Quindi ha svolto un questionario sull’umore e sui sentimenti.

Ha quindi chiesto ai bambini di completare un compito illustrato, in cui rispondono alle domande relative alle immagini mostrate e, infine, ha eseguito un controllo della scala dell’ e della depressione dei bambini rivista, che può evidenziare ansia generalizzata, disturbo di panico e basso umore.

“A misura di bambino e non minaccioso”

I bambini potevano parlare con il robot o toccare i sensori su mani e piedi, mentre sensori aggiuntivi monitoravano il battito cardiaco dei bambini e i movimenti della testa e degli occhi.

Genitori e tutori hanno osservato le sessioni da una stanza separata e prima di ogni sessione i bambini hanno completato un questionario online standard per valutare il loro benessere mentale.

“Ci sono momenti in cui i metodi tradizionali non sono in grado di cogliere le interruzioni del benessere mentale nei bambini, poiché a volte i cambiamenti sono incredibilmente sottili”, ha affermato Nida Itrat Abbasi, la prima autrice dello studio. “Volevamo vedere se i robot potrebbero essere in grado di aiutare con questo processo”.

Tutti i bambini hanno detto che si sono divertiti a interagire con il robot e hanno condiviso alcune informazioni con esso che non avevano condiviso nella valutazione precedente.

“Altri ricercatori hanno scoperto che è più probabile che i bambini divulghino informazioni private – come quelle vittime di bullismo, ad esempio – a un robot rispetto a un adulto”.

Per questo motivo, i ricercatori affermano che i robot potrebbero essere uno strumento utile per la valutazione psicologica dei bambini.

Hanno fatto attenzione, tuttavia, che non erano un sostituto per gli umani.

“Non abbiamo alcuna intenzione di sostituire psicologi o altri professionisti della salute mentale con i robot, dal momento che la loro esperienza supera di gran lunga qualsiasi cosa un robot possa fare”, ha affermato il coautore, il dottor Micol Spitale.

“Tuttavia, il nostro lavoro suggerisce che i robot potrebbero essere uno strumento utile per aiutare i bambini ad aprirsi e condividere cose che potrebbero non essere a loro agio nel condividere ’inizio”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (I robot possono essere più bravi nell’individuare i problemi di benessere mentale nei bambini rispetto ai metodi tradizionali
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare