Decisioni difficili: le nuove opzioni significano che è ora che gli uomini si assumano maggiori responsabilità per il controllo delle nascite?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Dalla pillola anticoncezionale maschile alla vasectomia reversibile: ecco il futuro della contraccezione maschile

Per generazioni, la contraccezione maschile è stata limitata a due opzioni: indossare il preservativo o subire una vasectomia. Difficilmente può essere definita una scelta, soprattutto perché le vasectomie sono generalmente una procedura permanente.

In confronto, quando si tratta di forme reversibili di contraccezione, le possono scegliere tra una dozzina di metodi che vanno dalla pillola alle iniezioni ormonali, un impianto, un cerotto, un dispositivo intrauterino (IUD), un diaframma, un anello vaginale, preservativi femminili o spermicida.

Certo, lo scenario che la contraccezione cerca di evitare è una donna che rimane incinta, e sembra più facile impedire a un’ovaia di rilasciare uno o due ovuli – o creare una barriera intorno a loro – piuttosto che cercare di disabilitare i milioni di spermatozoi che cercano di nuotare a loro.

Eppure gli scienziati hanno lavorato per decenni allo sviluppo di nuovi contraccettivi maschili e alla recente decisione della Corte Suprema che ha ribaltato la costituzionale diritto all’aborto negli Stati Uniti sta alimentando un nuovo interesse per l’argomento.

“La gente pensa ‘questa è la realtà ora: possiamo proteggere le donne da gravidanze indesiderate?'” Heather Vahdat, direttore esecutivo del Iniziativa contraccettiva maschileche aiuta a finanziare la ricerca in questo campo, ha dichiarato a Euronews Next.

“Gli uomini dicono con ancora più intensità: ‘cosa possiamo fare?’ E le donne dicono ‘sì, cosa puoi fare?'”

Non è solo negli Stati Uniti. In tutto il mondo, i sondaggi suggeriscono che un numero crescente di uomini è desideroso di aiutare ad alleviare le proprie partner femminili dal peso del controllo delle nascite.

UN Sondaggio YouGov 2018 ha scoperto che il 79% dei 1.600 uomini britannici intervistati pensava che la contraccezione dovesse essere una responsabilità condivisa.

Quindi, quali opzioni potrebbero avere gli uomini in futuro? Ecco uno sguardo ad alcuni dei metodi più promettenti in cantiere.

La pillola maschile

All’inizio di quest’anno, gli scienziati dell’Università del Minnesota hanno affermato di aver sviluppato a pillola contraccettiva maschile che è efficace al 99% nei topi senza causare effetti collaterali.

Il team, che ha ricevuto finanziamenti dal National Institutes of Health e dall’Iniziativa contraccettiva maschile, mira a iniziare la sperimentazione umana nei prossimi mesi.

Ma Vahdat ha avvertito che la commercializzazione di una pillola anticoncezionale maschile richiederebbe “facilmente dai cinque ai dieci anni”.

Questo perché gli studi clinici non devono solo dimostrare che il prodotto funziona nella prevenzione delle gravidanze, ma anche che è completamente reversibile, il che significa che le coppie che lo hanno utilizzato e successivamente desiderano un bambino riescono a rimanere incinta.

I ricercatori hanno anche lavorato su una pillola contraccettiva maschile contenente dimethandrolone undecanoato o DMAU.

La molecola può in alternativa essere somministrata in iniezioni di lunga durata. Sopprime due ormoni necessari per creare spermatozoi vitali: l’ormone follicolo-stimolante (FSH) e l’ormone luteinizzante (LH).

Tali effetti collaterali possono sembrare familiari ai milioni di donne che prendono una pillola anticoncezionale, ma si sono intromessi nel portare sul mercato il controllo delle nascite maschile.

Uno studio promettente commissionato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) su un’iniezione di due ormoni progettata per ridurre il numero di spermatozoi è stato interrotto dieci anni fa dopo che i revisori della sicurezza hanno ritenuto che avesse troppi effetti collaterali, in particolare cambiamenti di umore.

È interessante notare, però, 75 per cento dei 320 uomini arruolati nel processo hanno dichiarato di voler continuare a usare il colpo.

Da allora i ricercatori hanno lavorato su modi per armeggiare con altri ormoni per indurre il corpo a pensare che i livelli di testosterone siano adeguati e limitino gli effetti collaterali.

Il gel per le spalle

Ora ecco un modo in cui gli uomini potrebbero letteralmente sopportare di più il peso del controllo delle nascite: applicando quotidianamente un gel di testosterone sulla parte superiore delle braccia e sulla schiena.

Il gel, chiamato NES/T, contiene sia testosterone che un progestinico, una forma sintetica dell’ormone sessuale femminile progesterone.

Il progestinico blocca la produzione naturale di testosterone nei testicoli, riducendo la produzione di spermatozoi a livelli bassi o inesistenti. Il testosterone sostitutivo mira a mantenere il normale desiderio sessuale e altre funzioni guidate dagli ormoni.

L’efficacia del gel è in fase di valutazione in tutto il mondo in studi clinici di Fase 2 finanziati dal National Institutes of Health degli Stati Uniti che mirano a iscrivere oltre 400 coppie in totale.

Il professor Richard Anderson dell’Università di Edimburgo, dove 30 uomini hanno già completato il processo, ha affermato che i risultati finora sono stati molto incoraggianti.

“Ha funzionato davvero sorprendentemente bene. Non abbiamo avuto gravidanze. Il numero di spermatozoi del ragazzo è rimasto soppresso in modo davvero affidabile”, ha detto Anderson a Euronews Next.

Vahdat ha affermato che il gel per le spalle era “davvero in testa al gruppo” in termini di dati clinici e che i partecipanti chiedono di essere nuovamente iscritti man mano che lo studio avanza.

“Le persone stanno guidando da altri stati per poter partecipare al processo. La richiesta è enorme e finora hanno ottenuto ottimi risultati”.

Régine Sitruk-Ware, illustre scienziata del Population Council Centro per la ricerca biomedica leader dello studio NES/T, ha affermato che il gel per le spalle sembra avere un vantaggio chiave: l’affidabilità.

“Quando viene utilizzato quotidianamente, rimane sulla superficie della pelle e quindi rilascia costantemente”, ha spiegato. “E lo vediamo a una dose efficace per un massimo di tre giorni, il che significa che se c’è un giorno libero e la persona si è dimenticata di applicarlo, c’è una sorta di perdono”.

Ma trattieni il respiro. Anche in questo caso, MCI non prevede di raggiungere il mercato per almeno altri cinque o dieci anni.

La vasectomia reversibile: ‘Mettila e dimenticala’

Poiché le donne diventano sempre più reticenti alle forme ormonali di controllo delle nascite, coloro che sostengono la ricerca su nuovi contraccettivi maschili affermano che i metodi non ormonali potrebbero essere una scommessa intelligente.

Questi includono le cosiddette “tecniche vaso-occlusive” – ​​o vasectomia reversibile.

Funziona impiantando un gel nel dotto deferente (il condotto all’interno del pene attraverso il lo sperma lascia il corpo) che consente al fluido di fluire ma impedisce allo sperma di viaggiare.

È stato sviluppato come una procedura ambulatoriale una tantum che può durare diversi anni, fino a quando il gel inizia a dissolversi naturalmente o fino a quando l’uomo decide di rimuoverlo per consentire al suo sperma di vagare di nuovo liberamente.

Per oltre quattro decenni, gli scienziati in India hanno esaminato un gel sintetico vaso-occlusivo chiamato RISUG (“inibizione reversibile dello sperma sotto guida”) che è attualmente l’unico contraccettivo maschile negli studi clinici di Fase 3.

Gli studi hanno dimostrato che è efficace, ma finora solo le sperimentazioni sugli animali hanno dimostrato pienamente il potenziale inverso del prodotto. Anche un gel a base d’acqua chiamato ADAM, sviluppato dalla società Contraline negli Stati Uniti, ha iniziato quest’anno i primi test sull’uomo.

“Non è così scoraggiante come potrebbe sembrare”, ha affermato Vahdat di MCI, che sta contribuendo a finanziare lo studio.

“È come uno IUD maschile: un contraccettivo reversibile a lunga durata d’azione per gli uomini. Lo fissi e lo dimentichi”.

Più problemi di quanti ne valga la pena?

Che sembrino promettenti o inquietanti, queste nuove opzioni sono ancora lontane anni dal diventare una realtà per gli uomini di tutto il mondo.

Allora perché ci vuole così tanto tempo? “È stato davvero un finanziamento”, ha detto Vahdat.

Caso in questione: la sua organizzazione no-profit, MCI, è il secondo più grande finanziatore della ricerca sul controllo delle nascite maschili dopo il National Institutes of Health, con appena 1,5 milioni di dollari (1,5 milioni di ) in sovvenzioni ogni anno – una goccia nell’oceano di ricerca sui farmaci.

“Questa è l’unica cosa che non è aumentata. La gente bussa alle nostre porte, ma nessuno di loro ha gli assegni in mano”, ha detto.

MCI e il Population Council affermano che il tradizionale modello rischio-beneficio dell’industria farmaceutica ha portato le aziende a lasciare questo campo praticamente intatto.

“Se si pensa di prendere un paziente sano, disabilitare una funzione (riproduzione) e promettere che può essere ripristinata, è più rischioso in termini di rendimento che curare una ”, ha spiegato Vahdat.

Da un punto di vista normativo, è anche un po’ un mal di testa etico somministrare a qualcuno un farmaco con potenziali effetti collaterali se l’obiettivo finale – prevenire la – non colpisce il suo corpo ma quello del suo partner.

Coloro che chiedono più opzioni di controllo delle nascite maschili affermano che il modo di pensare deve essere capovolto.

“Proponiamo un modello di rischio condiviso che è etico perché stai prevenendo il rischio di gravidanza in una partner femminile e stiamo considerando la somma totale del rischio tra partner maschio e femmina”, ha affermato Logan Nickels, direttore della ricerca presso MCI.

Prendere in mano la situazione

Sebbene questa idea non abbia ancora conquistato le autorità di regolamentazione e le aziende sanitarie, potrebbe prendere piede più rapidamente tra la popolazione generale.

“Alcuni decenni fa, le persone erano semplicemente grate che esistessero . Ora le persone si rendono conto che è anche un peso e si tratta più di condividere le responsabilità”, ha affermato Anderson, del Center for Reproductive Health dell’Università di Edimburgo.

“Un certo numero di uomini vuole fare un passo avanti”.

In Francia, un anello termico chiamato Andro-Switch progettato per avvicinare i testicoli al corpo per aumentare naturalmente la loro temperatura e ridurre temporaneamente il numero di spermatozoi ha fatto l’anno scorso quando è stato ritirato dal mercato dall’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (ANSM).

Theoreme, l’ dietro Andro-Switch, afferma che il dispositivo, se indossato almeno 15 ore al giorno per alcuni mesi, riduce la produzione di sperma abbastanza da causare infertilità temporanea e reversibile.

Il regolatore ha affermato che il dispositivo doveva dimostrare la sua sicurezza ed efficacia in una sperimentazione clinica prima che potesse essere utilizzato dal pubblico in generale.

Ha aggiunto, tuttavia, che l’idea di un contraccettivo termale maschile “potrebbe apportare un reale beneficio alla quando si tratta di condividere il carico contraccettivo tra donne e uomini”.

Nickels, di MCI, ha aggiunto che “molte persone stanno capendo che invece di un quinto IUD a rilascio di ormoni sul mercato, forse possiamo avere un contraccettivo maschile”.

Studi recenti suggeriscono che molti uomini prenderebbero in considerazione il controllo delle nascite ormonale se fosse disponibile.

Solo negli Stati Uniti, il 77% degli uomini sessualmente attivi di età compresa tra i 18 e i 44 anni intervistati nel 2017 era “molto o in qualche modo” interessato a provare una forma maschile di controllo delle nascite diversa dai preservativi o dalla vasectomia.

Vahdat ha detto che spera che questo suonerà ancora più vero sulla scia dell’inversione di Roe v Wade e dell’ascesa della legislazione anti-aborto negli Stati Uniti.

“Spero che questo sia almeno un risultato positivo: che avremo il cambiamento sociale e la consapevolezza della necessità che tutti pensino alla contraccezione, non solo assumendo che sia responsabilità delle donne”, ha affermato.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare