Comuni anarchici, attivismo e volo libero: dentro la mia avventura in treno in nove paesi in Europa

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Comuni anarchici, attivismo e volo libero: dentro la mia avventura in treno in nove paesi in Europa

Non sono mai stato un grande volatore. Crescere in Germania come bambino immigrato della classe operaia, la maggior parte delle nostre vacanze all’estero sono state fatte da macchina. All’inizio degli anni 2000, era l’opzione di viaggio più economica e conveniente.

Solo nella mia adolescenza mi sono avventurato occasionalmente a corto raggio voloe persino spremuto in una vacanza di fine settimana a sud di (Non capirò mai come qualcuno possa trovare questi viaggi rilassanti). Ma volare non è mai cresciuto su di me. Anche se capisco la comodità che offre ad alcuni, mi sembra sbagliato essere così in alto nell’aria.

Dopo essermi trasferito nel Regno Unito, ho optato principalmente per i treni e autobus verso l’. Quando sono diventato un durante i miei anni universitari, ho effettuato la transizione completa ai viaggi senza volo.

Quello che molte persone non capiscono è che viaggio in treno è spesso più economico del volo, quando si tiene conto dei trasferimenti aeroportuali. Per me, viaggiare via terra non significa solo vivere a basso impatto, ma anche connettersi di più significativamente con i luoghi che visito. Vedere la terra passare sul treno mi lascia sempre in soggezione di come le persone avrebbero viaggiato in tempi lontani.

Quindi, quando mi è stata offerta la possibilità di visitare le Isole Aland per un lavoro dopo una pausa di due anni dal viaggio causata dalla , non vedevo l’ora di fare il viaggio treno. Ho deciso di trasformarlo in un’avventura con più fermate e l’Interrail mi è sembrata l’opzione logica.

Viaggiare con Interrail offre comodità e flessibilità

Non mi ero mai avventurato su un Interrail viaggio prima, francamente perché mi sentivo intimidito dall’intero processo. Ho capito subito che le mie preoccupazioni erano infondate: Interrail ha svolto la maggior parte del lavoro per me suggerendo un biglietto in base alle mie destinazioni e l’app di facile utilizzo mi ha permesso di salvare i viaggi che avrei voluto fare.

I giorni di viaggio possono essere attivati ​​e collegati ai viaggi salvati, il che crea un biglietto QR. L’unico aspetto leggermente scomodo era la prenotazione dei posti, che per alcuni deve essere prenotata treni ad alta velocità come l’Eurostar e i traghetti. Ma nel grande schema delle cose, questo era un piccolo prezzo da pagare per la comodità e la flessibilità offerte da un biglietto Interrail.

La prima tappa del mio viaggio è stata quanto di più impegnativo possibile: a causa dell’energia crisi dei prezzi nel Regno Unito e generosi sconti Interrail, molte persone hanno optato per il Eurostar piuttosto che volare. Buono per il clima, meno buono per chi è impreparato.

Prenotare le mie prenotazioni del posto con tre settimane di anticipo non era neanche lontanamente un tempo sufficiente. Di conseguenza ho dovuto fare una deviazione per Parigi prima di proseguire Bruxelles e Amburgo. Il lato positivo è stato che ho avuto modo di sperimentare il Thalys francese trenisu cui viaggiare è piacevole quasi quanto l’Eurostar, sebbene entrambi addebitino un importo esorbitante per la prenotazione del posto, il che rende il biglietto Interrail valido solo se viaggi ad Amburgo in un giorno.

I treni ad alta velocità della Scandinavia rendono il viaggio un gioco da ragazzi

Sono arrivato ad Amburgo il giorno successivo, trascorrendovi un pomeriggio prima di trasferirmi Copenaghen. Sono riuscito a infilarmi nella famosa chiesa di San Michele per godere di splendide viste sulla città, noleggiare uno per esplorare la riva del fiume e mangiare cibo vegano incredibile a Musketiers. Gli scooter sarebbero diventati un compagno molto apprezzato durante viaggio.

Da Amburgo, sono andato a Copenaghen accompagnato da un amico d’infanzia. di Scandinavia treni ad alta velocitàcon il loro wifi affidabile e pochi ritardi, sono stati una gradita pausa dai sistemi di trasporto pubblico spesso disfunzionali dell’Europa occidentale.

La capitale della mi è piaciuta immediatamente: molti posti nel centro della città hanno dedicato più spazio pedoni e viaggi attivi rispetto alle automobili. La conseguenza naturale di ciò è che Ciclismo diventa la forma di trasporto più diffusa, accanto all’affidabile metropolitana.

Il nostro angolo preferito della città era la comune anarchica Christiania, con i suoi caffè artistici e i personaggi bizzarri. Questa enclave è famosa per la vendita marijuana sulla famosa Pusher Street e sfidando le leggi danesi, e resiste alle repressioni della polizia da oltre sessant’anni.

Per fortuna, piuttosto che per buona pianificazione, ci è capitato di visitare la città durante Orgoglio settimana. L’energia era elettrica e faceva emergere l’atmosfera più incredibile che la città potesse offrire. È stato fantastico essere coinvolti in un movimento così importante in una nuova parte del mondo.

Da Copenaghen, siamo saliti su un treno per Stoccolma. Avevo intenzionalmente lasciato un po’ di spazio nel mio zaino per i reperti di , e non è stato vano: la capitale della Svezia è il paradiso dei parsimoniosi. L’industria della moda è una delle più importanti inquinante sul pianeta, e perché contribuire all’enorme spreco di risorse del settore quando ciò che è già in circolazione può esserlo ancora di più alla moda?

I nostri momenti salienti sono stati esplorare la bellissima città vecchia di Gamla Stan, guardare il tramonto dorato scendere sulla città dal quartiere hippie di Södermalm ed esplorare l’abbondante vegano opzioni alimentari.

Come Copenaghen, Stoccolma è esplorata al meglio usando trasporto pubblicoe troverai molte sorprese nella metropolitana della capitale, che presenta reperti storici e imponenti formazioni geologiche.

Le isole Aland sono molto adatte ai ciclisti

Viaggiando verso il tramonto, le pittoresche isole Aland erano finalmente all’orizzonte. Lì, ho lavorato presso i giovani sostenibilità festival ReGeneration 2030 con un gruppo di futuri leader della sostenibilità. Fuori dal lavoro, ho esplorato le isole vicine su una bicicletta a noleggio.

Come le mie destinazioni precedenti, Aland era molto ciclo-amichevole, con piste ciclabili separate dalle strade e traffico scarso fuori dai centri abitati. Sebbene mancasse l’eccitazione adrenalinica di un pendolare londinese, devo ammettere che è stato molto più piacevole.

La mia settimana sull’isola è stata profondamente rigenerativo, e disperatamente necessario. Mi è piaciuto vedere così tanti posti nuovi, ma saltare in giro ha davvero un impatto sul corpo.

Helsinki è stata la parte migliore del mio viaggio

La tranquillità di Aland mi ha ricaricato e pronto per il mio momento clou personale, Helsinki. Per il viaggio in traghetto, sono stato sistemato in una cabina sotto il livello dell’acqua, che ho realizzato essere molto al di fuori della mia zona di comfort. Essere sott’acqua è per i pesci, proprio come essere in aria è per gli uccelli.

Il clima a Helsinki è freddo (e non sono una persona che fa freddo), ma è sempre stato facile scacciare il freddo nelle onnipresenti saune – ne ho trovata persino una sopra ruota panoramica.

Ho trascorso le mie mattinate in un caffè con vista sul porto, seguito da una visita all’adiacente sauna e piscina sul mare. A quel punto lavorare nei caffè era diventato il mio standard e mi piaceva provare dozzine di varietà di avena americano mentre guardavo la gente del posto e altri turisti che si occupavano dei loro affari. Secondo me, lavoro a distanza è un grande aspetto positivo che è emerso dalla pandemia, consentendo a molte persone di viaggiare più lentamente dove prima avrebbero volato.

Lo stile di vita della Finlandia è lento, consapevole, vicino alla natura. Non sei mai lontano da un bosco o da un lago.

Con la loro natura intatta e decine di vecchi bunker, HelsinkiDa non perdere le vicine isole di Suomenlinna e Vallisaari. E se hai voglia di cibo di stagione, vale la pena visitare il ristorante Magu. Ho avuto un incredibile risotto che era così ricco e saporito. Mangiare fuori non è economico in Finlandia, ma vale ogni centesimo.

Il mio tempo in Scandinavia è stato seguito da 10 giorni di esplorazione rapida delle nazioni baltiche. ho viaggiato in Tallin di nuovo in traghetto (che impiega solo due ore), e ha esplorato il centro storico più intatto d’Europa.

Tallinn aveva molto da offrire, non ultimo il suo vasto bosco nelle vicinanze, che è ricco biodiversità. Durante una corsa mattutina, ho incontrato libellule più grandi del mio palmo e persino un serpente solitario che strisciava nel verde. Mi ha ricordato le tante estati che ho trascorso nel mio paese d’origine Polonia da bambino, quando la natura selvaggia si trovava più ampiamente nell’Europa orientale.

La capitale della , Riga, mi è sembrata molto più occidentale e in molti punti mi ha ricordato Londra. Nomadi digitali sarà deliziato dai suoi deliziosi caffè e dal vivace centro città, con parchi e spazi verdi sparsi per la giungla urbana.

In netto contrasto, Vilnius è una delle città più rilassate che ho incontrato. Vantando il centro storico più grande d’Europa, la sua bellezza architettonica è assolutamente mozzafiato. E analogamente a Copenaghen, aveva la sua comunità alternativa: la repubblica di Uzupis, che ospita molte gallerie d’arte, caffè stravaganti e anima creativa.

Ho concluso il mio viaggio al Global Climate Strike a Bruxelles

Avendo visto così tanti posti in così poco tempo, mi è sembrato strano tornare a casa. Viaggiare via terra mi ha ricordato quanto sia bello questo pianeta su cui viviamo ancora e perché sto facendo quello che faccio in primo luogo.

Dopo una breve visita di famiglia vicino a Francoforte e una sosta di un giorno a Liegi, la mia ultima destinazione è stata Bruxelles per il Sciopero globale per il clima – quanto appropriato!

Mentre aviazione è un settore altamente inquinante, il dibattito sul volo è spesso fortemente concentrato sul cambiamento del comportamento individuale. E mentre credo che dovremmo arrenderci volare se disponiamo di tempo e risorse finanziarie, non dimentichiamo che la maggior parte delle emissioni del trasporto aereo proviene da viaggiatori d’affari frequenti e jet privati.

Siamo reali, probabilmente finirò per volare per lavoro prima o poi. Volare è una questione sfumata e, a mio parere, l’impatto positivo di alcuni viaggi può superare il costo del carbonio di arrivarci. Ma il mio obiettivo è evitare di volare in Europa per il prossimo futuro, dopo aver sperimentato le gioie di viaggio in trenoNon voglio tornare indietro.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare