Questo robot di pattuglia a guida autonoma viene utilizzato per rilevare i pericoli e allertare la polizia nelle strade di Seoul

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Questo robot di pattuglia a guida autonoma viene utilizzato per rilevare i pericoli e allertare la polizia nelle strade di Seoul

In uno stretto vicolo di Seoul, in Corea del Sud, un uomo ubriaco si è addormentato sul marciapiede. Un su ruote gli si avvicina lentamente e cerca di svegliarlo.

“Signore, è pericoloso se dormi . Lascia che ti aiuti a tornare a sano e salvo”, dice il robot. Poco dopo arriva un’auto della , luci lampeggianti, e due agenti allontanano l’uomo.

Il robot di pattuglia, chiamato “Goalie”, è il primo robot di pattugliamento urbano della Corea del Sud. È progettato per mantenere le persone al sicuro nelle strade, giorno e notte, comunicando da remoto con un centro di controllo e avvisando le persone del pericolo.

Funziona essenzialmente come una “ di sorveglianza mobile” in grado di ispezionare i punti ciechi delle telecamere a circuito chiuso fisse, ha dichiarato a Euronews Next il suo sviluppatore HL Mando.

Il robot, che pesa circa 300 kg, guida autonomamente ed evita pedoni e ostacoli utilizzando la navigazione satellitare e la tecnologia di telerilevamento come Lidar (rilevamento della luce e portata). Può anche pattugliare di notte utilizzando la termografia.

“Il filmato e il suono monitorati dal robot vengono trasmessi tramite comunicazione wireless (5G) al centro di controllo”, ha affermato Young-ha Cho, ricercatore senior presso HL Mando.

“Quando il robot vede una situazione pericolosa o sente un suono come ‘aiutami’, il centro di controllo comanda al robot di spostarsi lì e può verificare se si tratta davvero di una situazione pericolosa o meno”.

Il caso dell’uomo ubriaco che dorme su un marciapiede è stato riportato per la prima volta da un quotidiano sudcoreano, mentre il filmato condiviso dal suo sviluppatore mostra il robot in azione in un parco pubblico, che suona una sirena quando un inizia a scavalcare una recinzione.

Il robot mira anche a far sentire le donne più sicure di notte quando camminano da sole. In effetti, Goalie viene lanciato in una zona residenziale di Seoul che ha la più alta percentuale di donne che vivono da sole nel paese.

Problemi di e privacy

In questo momento, il robot di pattuglia ad alta tecnologia può operare solo a fianco di un essere umano e ha dovuto affrontare alcune sfide normative per problemi di sicurezza e privacy.

Secondo HL Mando, il filmato filmato dal robot non viene archiviato, ma solo trasmesso in live streaming, e le sue comunicazioni con il centro di controllo sono crittografate, per rispettare la legge sulla protezione delle informazioni personali della Corea del Sud.

“Le questioni di privacy sono molto importanti e delicate in Corea del Sud”, ha detto Cho.

“Quando il robot sta pattugliando, siamo tenuti ad avvisare le persone vicine al robot che le stiamo monitorando. Anche le finestre temporali di pattugliamento dovrebbero essere rese pubbliche prima dell’operazione”.

Il portiere non è tecnicamente autorizzato a operare secondo le attuali leggi della Corea del Sud.

Le normative nazionali in effetti limitano il funzionamento dei robot autonomi su strade, marciapiedi e parchi e non possono archiviare video né audio, il che significa che ci sono molti ostacoli all’accumulo di dati.

Tuttavia, a Goalie è stata concessa l’autorizzazione condizionale per le operazioni di test grazie a un cosiddetto sandbox normativo.

“È difficile decidere se alleggerire un regolamento esistente, ma è relativamente più facile accettare di testare nuove tecnologie in circostanze ristrette”, ha affermato Minho Lee, ricercatore senior presso il Korea Institute of Public Administration.

“Le sandbox normative sono arrivate per la prima volta dal , dove vengono utilizzate solo nel settore fintech, ma in Corea del Sud utilizziamo questo sistema in tutti i settori”, ha spiegato.

Accompagnato dal personale

Lee ha avvertito che troppe restrizioni possono rendere difficile testare il potenziale di una tecnologia e vanificare lo scopo del sistema sandbox normativo.

Ad esempio, Goalie attualmente ha bisogno di essere sempre accompagnato dal personale, anche se è progettato per guidare da solo e alla fine sostituire gli agenti di pattuglia umani.

Lee ha aggiunto che questo tipo di burocrazia potrebbe danneggiare le start-up, che non possono permettersi il tempo e il denaro per farcela.

“Ci sono voluti quasi sei mesi per ottenere il permesso dal e non è stato facile soddisfare tutte le loro esigenze”, ha detto Cho di HL Mando a proposito del lancio di Goalie.

Le autorità sudcoreane stanno ora lavorando a nuovi regolamenti insieme a sviluppatori di robot, accademici ed esperti legali che, se approvati e rispettati, potrebbero eliminare del tutto la necessità di un sistema sandbox, ha affermato Cho.

“Spero che questo nuovo regolamento venga adottato il prima possibile”, ha affermato.

Per ulteriori informazioni su questa , guarda il video nel lettore multimediale qui sopra.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare