La Germania pagherà più risarcimenti alle famiglie delle vittime dell’attacco alle Olimpiadi di Monaco del 1972

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il governo ha dichiarato di essere disposto a pagare un risarcimento maggiore alle famiglie di 11 israeliani uccisi alle del 1972 a Monaco di da membri di un gruppo palestinese.

I parenti degli atleti hanno a lungo criticato il modo in cui le autorità tedesche hanno gestito l’attacco e le sue conseguenze. Le richieste di maggiori risarcimenti hanno minacciato di mettere in ombra un evento commemorativo previsto per il 50° anniversario del massacro.

Il ministero dell’Interno tedesco ha dichiarato mercoledì che sta attualmente tenendo colloqui con i parenti e che le “gravi conseguenze per i sopravvissuti alle persone a carico delle vittime in termini immateriali e materiali” devono essere rivalutate.

“È prevista un’offerta di nuovi pagamenti di riconoscimento ai parenti sopravvissuti delle vittime dell’attacco”, ha detto il ministero all’agenzia di stampa tedesca dpa, aggiungendo che “la cerimonia di commemorazione del 50° anniversario dovrebbe essere l’occasione per una classifica . eventi del 1972”.

Non è chiaro quanto denaro verrebbe offerto alle famiglie delle vittime.

I membri del gruppo palestinese Settembre Nero hanno preso d’ il Villaggio Olimpico e hanno preso in ostaggio gli atleti della squadra nazionale israeliana il 5 settembre 1972, con l’obiettivo di forzare il rilascio dei prigionieri detenuti da e da due estremisti di sinistra nelle carceri della Germania occidentale.

Undici israeliani e un agente di della Germania occidentale sono stati uccisi durante l’attacco, anche durante un tentativo di fallito.

Immediatamente dopo l’attacco, la Germania ha effettuato pagamenti ai parenti delle vittime per un valore di circa 4,19 milioni di marchi (circa 2 milioni di euro), secondo il ministero dell’Interno. Nel 2002, i parenti sopravvissuti hanno ricevuto altri 3 milioni di euro, ha riferito dpa.

Una richiesta di risarcimento del valore di circa 40 milioni di marchi ha citato gravi errori nell’operazione di polizia, ma è stata respinta per prescrizione.

In Israele, Ilana Romano, la vedova di Yossef Romano, un sollevatore di pesi che è stato uno dei primi israeliani ad essere ucciso, ha detto martedì all’emittente pubblica Kan che l’attuale offerta di riparazioni della Germania è “degradante” e che i sopravvissuti alle vittime hanno rifiutato esso.

“L’offerta è degradante e manteniamo la nostra posizione di della cerimonia (dell’anniversario)”, ha detto, aggiungendo che la Germania “ci ha gettato in pasto ai cani”. Ci hanno maltrattato per 50 anni”.

“Hanno deciso di assumersi la responsabilità, molto bene dopo 50 anni”, ha detto Romano, chiedendo un risarcimento adeguato per le famiglie e “non spiccioli”.

Le richieste di rilasciare file inediti sull’attacco sono state soddisfatte il mese scorso quando i funzionari bavaresi hanno affermato che avrebbero rilasciato segretamente qualsiasi file nello stato della Germania meridionale.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare