La beneficenza per i viaggi sostenibili chiede limiti sui voli a lunga distanza e limiti alla crescita dell’aviazione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La beneficenza per i viaggi sostenibili chiede limiti sui voli a lunga distanza e limiti alla crescita dell'aviazione

Il turismo globale è destinato a raddoppiare le sue dimensioni entro il 2050 e con tale crescita corrisponde un aumento delle emissioni di carbonio.

Ma le misure per frenare l’impatto dell’industria dei viaggi sull’ambiente sono “tristemente inadeguate” secondo la Foundation.

L’ente di beneficenza per la sostenibilità afferma che senza un’azione urgente, l’industria non si avvicinerà al raggiungimento dei suoi obiettivi di riduzione delle emissioni. Questi includono l’obiettivo della Dichiarazione di di dimezzare le emissioni entro il 2030 e il 2050 netto zero obbiettivo.

Strategie attuali che si basano su soluzioni come biocarburanti e i soli progressi tecnologici “raggiungeranno lo zero netto troppo tardi”, secondo Menno Stokman, direttore del Center of Expertise Leisure, Tourism & Hospitality (CELTH).

“Quindi dobbiamo rimodellare il sistema. Dal punto di climatico, una volta raggiunto lo zero netto possiamo viaggiare quanto vogliamo”, afferma.

Questi risultati provengono da un rapporto che sarà pubblicato nel 2023 da Travel Foundation, CELTH, Breda University of Applied Sciences, European Tourism Futures Institute e the Ente del Turismo e dei Convegni. Ecco alcuni dei punti salienti del rapporto prima della sua pubblicazione.

Solo uno scenario consentirà ’industria del turismo di raggiungere lo zero netto entro il 2050

Il team dietro la ricerca ha utilizzato una sofisticata tecnica di modellazione per esplorare gli scenari futuri per i viaggi e il turismo globali.

Hanno trovato solo uno scenario in cui l’industria potrebbe raggiungere il suo obiettivo zero netto del 2050.

Implica migliaia di miliardi di dollari di in misure di decarbonizzazione, dando la priorità ai viaggi che riducono maggiormente le emissioni – come la ferrovia e su strada, così come limiti sui viaggi a lunga distanza.

Sebbene costituiscano solo il 2% di tutti i viaggi, i viaggi a lunga distanza ne producono la maggioranza emissioni di carbonio. Secondo il rapporto, le emissioni di questo tipo di quadruplicheranno entro il 2050, costituendo il 41% delle emissioni totali del turismo e rappresentando solo il 4% di tutti i viaggi.

Raccomanda l’applicazione di limiti alla crescita dell’aviazione fino a quando non sarà in grado di decarbonizzarsi completamente, compreso un limite ai viaggi a lunga distanza ai livelli del 2019.

“Come sempre, il rischio è che le persone e le nazioni più vulnerabili, quelle che hanno fatto di meno per causare il in primo luogo, perderanno”, afferma Jeremy Sampson, CEO della Travel Foundation.

Aggiunge che l’ente di beneficenza sta esortando i governi a riunirsi e “considerare ciò che è giusto in termini di chi paga per questo enorme investimento”.

L’industria del turismo non può continuare con “business as usual”

Le raccomandazioni del rapporto mirano a sostenere la Dichiarazione di Glasgow sull’azione per il clima nel turismo che fu firmato alla COP26 lo scorso anno.

La società di turismo d’ Intrepid Travel è stata tra i primi firmatari della dichiarazione e, insieme a Destination Vancouver, Visit Barbados e Netherlands Tourism Board, sta sponsorizzando il rapporto.

“Questa ricerca mostra chiaramente la necessità di pianificare ora un settore del turismo a basse emissioni di carbonio resiliente”, afferma Susanne Etti, responsabile dell’impatto ambientale globale di Intrepid Travel.

“Dobbiamo riconoscere che il futuro sarà diverso dal business as usual e che il non è un vantaggio competitivo.”

Etti aggiunge che gli operatori turistici devono unirsi dietro la Dichiarazione di Glasgow per accelerare l’azione globale e decarbonizzare i viaggi per raggiungere “l’enorme potenziale di sviluppo sostenibile” del settore.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare