Krystsina Tsimanouskaya: l’atleta bielorussa fuggita da Lukashenko diventa cittadina polacca

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

La velocista bielorussa che ha disertato dopo essersi rifiutata di tornare a dalle Olimpiadi di ha affermato che le è stata concessa la cittadinanza polacca.

Krystsina Tsimanouskaya ha chiesto asilo in Polonia dopo aver sfidato l’ordine di lasciare il durante i giochi posticipati della scorsa estate.

In un post su , la 25enne ha confermato di essere diventata formalmente cittadina polacca a fine giugno.

“Sabato scorso c’è stato il campionato polacco a squadre, dove ho vinto i 100 metri individuali e la nostra squadra è arrivata al secondo posto”, ha scritto Tsimanouskaya.

“E’ stata la mia prima competizione ufficiale a cui ho partecipato non da bielorussa ma da polacca. Finalmente, dopo tanto tempo, posso scendere in pista e rappresentare… senza alcun ostacolo”.

“Non vedo l’ora di rappresentare la Polonia sulla scena internazionale, ma per ora vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato in questo anno molto difficile per me”, ha aggiunto.

Tsimanouskaya divenne un simbolo dei dissidenti bielorussi quando ha rifiutato l’ordine di tornare nel suo paese di nascita dopo aver criticato la federazione di leggera del paese.

L’atleta ha detto di aver “temuto per la sua vita” dopo aver rifiutato di partecipare a un evento per il quale non si era allenata.

L’incidente ha spinto il Comitato Olimpico Internazionale ad un’indagine.

Da quando ha disertato in Polonia con il marito con un visto umanitario, ha lavorato per aiutare altri atleti bielorussi che volevano lasciare il Paese.

Tsimanouskaya non è ancora in grado di rappresentare la Polonia nelle competizioni internazionali senza l’approvazione della Federazione mondiale di atletica leggera.

La 25enne ha espresso la speranza che, dopo tre anni di residenza legale in Polonia, sarà in grado di competere per il suo nuovo paese alle Olimpiadi del 2024 a .

“Anche se salirò sul podio da polacca, fate sapere a tutti che le medaglie andranno a tutti i bielorussi e alla nostra libertà”, ha scritto sui social.

Alla è stato vietato di partecipare alla maggior parte degli eventi sportivi internazionali a causa del suo sostegno ’invasione russa dell’.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare