Il telescopio James Webb trova per la prima volta prove di anidride carbonica su un esopianeta distante

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il telescopio James Webb trova per la prima volta prove di anidride carbonica su un esopianeta distante

Il nuovo telescopio spaziale della ci ha fornito immagini maestose del cosmo da quando è entrato in funzione quest’estate.

Il James Webb Space Telescope ha già svelato parti dell’ che in precedenza non erano mai state osservate, oltre a mostrare immagini straordinarie del più grande del nostro sistema solare, .

Ma le capacità del telescopio non finiscono qui.

Gli scienziati hanno trovato la prima chiara evidenza di anidride carbonica nell’atmosfera di un esopianeta, una scoperta rivoluzionaria che potrebbe aprire la porta a osservazioni simili su pianeti più ospitali per la vita.

Questo è un pianeta che si trova al di fuori del nostro sistema solare – in questo caso, un gigante gassoso in orbita attorno a una stella simile al nostro Sole, a circa 700 anni luce di distanza.

“Non appena i sono apparsi sul mio schermo, l’enorme funzione di anidride carbonica mi ha catturato”, ha detto Zafar Rustamkulov, uno studente laureato alla Johns Hopkins University e membro del team JWST Transiting Exoplanet Community Early Release Science, che ha intrapreso questa indagine.

“È stato un momento speciale, che ha varcato una soglia importante nelle scienze degli ”.

Le abilità di James Webb

I risultati, accettati per la pubblicazione sulla rivista Nature, mostrano che il telescopio potrebbe quindi essere in grado di e misurare la CO2 nelle atmosfere di pianeti rocciosi più piccoli.

Il pianeta, WASP-39 b, è un gigante gassoso un po’ più grande di Giove. È stato scoperto per la prima volta nel 2011, dalle osservazioni a terra dell’attenuazione della luce dalla sua stella ospite mentre il pianeta gli passava davanti.

Precedenti studi hanno rivelato la presenza di vapore acqueo, sodio e potassio nell’atmosfera del pianeta, ma solo la superiore sensibilità agli infrarossi di James Webb è stata in grado di confermare senza ombra di dubbio la presenza di anidride carbonica.

“Rilevare un segnale così chiaro di anidride carbonica su WASP-39 b fa ben sperare per il rilevamento di atmosfere su pianeti più piccoli di dimensioni terrestri”, ha affermato Natalie Batalha dell’Università della California a Santa Cruz, che guida il team.

La NASA afferma che i risultati mostrano la capacità del telescopio di raccogliere informazioni sulla composizione, formazione ed evoluzione dei pianeti in tutta la .

“Le molecole di anidride carbonica sono traccianti sensibili della storia della formazione del pianeta”, ha affermato Mike Line dell’Arizona State University, un altro membro di questo gruppo di .

“Misurando questa caratteristica dell’anidride carbonica, possiamo determinare quanto materiale solido rispetto a quanto gassoso è stato utilizzato per formare questo pianeta gigante gassoso. Nel prossimo decennio, JWST effettuerà questa misurazione per una varietà di pianeti, fornendo informazioni sui dettagli di si formano i pianeti e l’unicità del nostro sistema solare”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Il telescopio James Webb trova per la prima volta prove di anidride carbonica su un esopianeta distante
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare