“C’è molta strada da fare per replicare Twitter”: ho provato Mastodon per una settimana ed è stato così

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"C'è molta strada da fare per replicare Twitter": ho provato Mastodon per una settimana ed è stato così

Dall’acquisizione di Elon Musk, il potenziale di sopravvivenza di è sembrato a dir poco tumultuoso.

Licenziamenti di massa, segni di spunta blu monetizzati e l’armamento di qualsiasi account vietato con i diritti di “libertà di parola” illimitata hanno fatto sì che tutta una serie di utenti stesse semplicemente facendo i bagagli e partendo per nuovi pascoli.

Il problema è che, con oltre un decennio e mezzo di sviluppo alle spalle, le alternative di Twitter per quelli di noi ancora desiderosi di condividere in eccesso ogni pensiero dal nostro subconscio in 280 caratteri o meno sono in qualche modo carenti.

Uno di questi contendenti è salito in cima alle classifiche nelle prime fasi della spirale discendente di Twitter: Mastodon.

Prende il nome da una creatura lanosa simile a un mammut che si estinse circa 10.000 anni fa, quindi sembra di buon auspicio.

In realtà ho appena scoperto questo fatto mentre iniziavo a scrivere questo pezzo alla fine della mia prima settimana sulla piattaforma, e devo dire che ha almeno chiarito perché sono stato accolto da un arcobaleno di piccoli cartoni animati colorati – di quello che ho ingenuamente presunto fossero solo i tuoi elefanti standard – quando ho aperto l’app per la prima volta. Altro su quell’arrivo.

Ho utilizzato l’app per una settimana per saperne di più su uno degli unici contendenti di Twitter praticabili che si stanno facendo strada verso la cima dell’app store in questo momento.

Avviso spoiler: se Jack Dorsey potesse fare una mossa sul beta testing di Bluesky, farebbe un favore a tutti noi.

Giorno uno

Inizieremo con gli elefanti colorati. Ricorda in modo terrificante la scena di “Pink Elephants on Parade” di Dumbo della Disney, che è stata probabilmente scritta su un certo livello di allucinogeno (siamo onesti, sappiamo che non era champagne, Disney). La maniacale ripresa del marchio di apertura per l’app Mastodon prepara bene i nuovi arrivati ​​per il caos che ne consegue.

La fase successiva è farti un’idea delle molteplici “comunità” – in mancanza di una parola migliore – che l’app ti presenta. Nella fretta di vedere di cosa si trattava, sono andato con la @ in cima alla lista: SDF.ORG.

Un rapido Google e mi sono reso conto del mio errore, purtroppo troppo tardi. Devo ammettere che, oltre a Mastodon, non sono ancora sicuro al 100% di cosa sia la “Super Dimension Fortress”. Se qualcuno che sta leggendo ha voglia di farmelo sapere, lo faccia su Twitter.

Sull’app, SDF.ORG è uno in cui gli utenti condividono immagini di cose i computer degli anni ’90. Uomini bianchi di mezza età chiamati Brian e Roy (i migliori candidati per una crisi di mezza età) spiegano come li resusciteranno in modo che siano di nuovo macchine perfettamente funzionanti.

Ero troppo in profondità. Il server aveva già aggiunto SDF.ORG al mio nome utente. Questa era ufficialmente la mia identità di Mastodonte.

Secondo giorno

Oggi è diventato evidente che non ero l’unico utente che probabilmente era stato indotto a credere che il sito che appariva in cima all’elenco iniziale fosse il posto giusto.

Entrando nel feed, sono stato servito dalla gioia contagiosa di una donna, Minerva, che era entusiasta di apprendere che #ThickTrunkTuesdays era un hashtag legittimo sul server.

Per fortuna questo è solo uno spazio in cui gli appassionati condividono immagini di alberi, ma uno sguardo più attento al profilo di Minerva ha scoperto che i suoi interessi più ampi includono teatro, caffè, e astrologia (sia io che te, Minerva).

Ho discusso di contattarla per dirle – avvertirla, anche – che non apparteniamo a questo posto. Ma, desideroso di rimanere un osservatore in incognito, ho invece deciso che bastava Mastodonning per un giorno.

Giorno tre

A questo punto, ero determinato a imparare esattamente come funzionava questa piattaforma Hellscape. Ho fatto qualche altra per scavare più a fondo.

La cosa principale che distingue Mastodon da quelle che potremmo definire app più “sofisticate” è la sua struttura.

A differenza della maggior parte delle piattaforme che tutti abbiamo imparato a conoscere molto bene nell’ultimo decennio o più, Mastodon è decentralizzato, il che significa che non è controllato da una singola società o individuo.

Utilizza open source, in cui il codice sorgente è disponibile al pubblico, quindi chiunque può teoricamente attingere ad esso per modificare e migliorare la piattaforma.

Sembra un rischio? Ebbene sì, lo è. Le piattaforme decentralizzate possono letteralmente essere utilizzate da chiunque, per qualsiasi cosa, incluso, nel caso di Mastodon, il social network suprematista bianco Gab nel 2019.

Ma non è solo il progetto tecnologico che contraddistingue il design. Mastodon è composto da migliaia di server, gestiti da entità diverse ma con la capacità di comunicare tra loro nel “fediverso”.

Gli utenti dovrebbero scegliere quello che ritengono più rilevante per loro e immergersi nel feed.

A parte questo, quelli che potremmo riconoscere come “tweet” tradizionali sono noti come “toots” (il che è deludente, creativamente, secondo me. Gli elefanti non suonano, sono famosi per la loro tromba).

Proprio come Twitter, puoi “rebloggare” (retweet) e “preferire” (che su Mastodon ha una forma a stella) il contenuto che ritieni sia più rilevante o interessante per te.

Le cose stavano lentamente iniziando a sistemarsi.

Quarto giorno

È arrivata la notizia che l’app Hive Social stava prendendo d’assalto la corsa per diventare il nuovo Twitter. Ciò che manca a Mastodon in termini di , Hive offre ai suoi utenti un formato in cui siamo già esperti.

La home page di Hive è simile a Twitter, con gli utenti che hanno una pagina del profilo e condividono gli stati che vengono a loro volta pubblicati sui feed di dei follower. Dal punto di vista del design, c’è anche un’opzione per condividere immagini di grandi dimensioni come post, come Instagram.

Al momento della registrazione, gli utenti scelgono i loro interessi principali in modo da essere targetizzati da contenuti pertinenti per loro.

Quindi, sul loro profilo, c’è essenzialmente quella che, per amor di discussione, sembra una scheda “Twitter” e una scheda “Instagram”, dove i tuoi diversi tipi di contenuto possono essere condivisi e visti da altri utenti.

È semplice, è un territorio familiare e, al momento in cui scrivo, ha infranto il record di Mastodon con due milioni di iscrizioni.

In questo momento, sembrava che Mastodon stesse uscendo dalla corsa.

Giorno cinque

Quando abbiamo iniziato a dirigerci verso la fine della settimana, per la prima volta mi è stato offerto contenuto da una serie di altri server di Mastodon.

Account che avevano redatto “haiku di cuori solitari”, schizzi disegnati a mano di Jo March da “Piccole donne”, quelli che avevano chiaramente abbandonato Twitter e ora si stavano recando su Mastodon per condividere ogni titolo riguardante la distruzione del sito da parte di Musk.

Più contenuti #ThickTrunkTuesday che, su un sito normale, direi probabilmente perché ho cercato l’hashtag e ora sono stato preso di mira, ma onestamente chissà se Mastodon opera con quel livello di sofisticazione. Quasi una settimana dopo, devo ancora determinarlo completamente.

Giorno sei

Dopo abbondanti quantità di e formaggio la sera prima, Mastodon si sente peggio del solito oggi.

Trascorro un periodo di tempo limitato sull’app e torno, invece, su Twitter, scorrendo senza meta su e giù il feed familiare, grato per il leggero sollievo del mio ciclo di notizie su misura, inventato di account che ho seguito in modo proattivo nel passato cinque anni.

Dopo una rapida ricerca, emerge che #ThickTrunkTuesday esiste, infatti, anche su Twitter. Scioccato e stupito di non averlo mai notato prima.

Settimo giorno

Il mio ultimo giorno di Mastodon. Il verdetto? Sinceramente, è un concetto interessante. E la mancanza di un furioso miliardario il cui capitale può comprargli qualsiasi cosa tranne il senso dell’umorismo è stata rinfrescante.

Ma nel corso dell’esperienza, mi sono sentito più come se fossi su un forum piuttosto che su una piattaforma di social media.

Ho fatto un’ultima ricerca e ho scoperto che molti dei server esistenti sono notevolmente più interessanti di quello su cui mi sono trovato (senza offesa per Brian e Roy): focus ambientali, spazi queer, centri artistici e gruppi politici per citarne solo alcuni.

Ho già compreso appieno la piattaforma? No, onestamente. C’è qualcosa che non va in Mastodon per la nostra generazione di menti curate dai social media.

Se vuole diventare un vero contendente nella battaglia per una fattibile alternativa a Twitter, ha ancora molta strada da fare per replicare le piattaforme chiare e semplici a cui siamo abituati.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare