Bagaglio perso? Queste sono le lunghezze che i viaggiatori hanno fatto per riavere le loro valigie quest’estate

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Bagaglio perso?  Queste sono le lunghezze che i viaggiatori hanno fatto per riavere le loro valigie quest'estate

Perdere cose mentre si è ’estero è, purtroppo, parte integrante del viaggio.

A volte penso agli oggetti che ho perso in vacanza – una bellissima sciarpa blu a Dublino, una giacca ben indossata sui muri di Antibes – e mi piace immaginarli tutti riuniti da qualche parte, in avventure come un completo completo.

Ma non c’è dubbio che perdere un’intera valigia, contenente tutte le cose che avevi appositamente confezionato come essenziali, sia molto più irritante. Ed è stata una sfortunata realtà per molti viaggiatori quest’estate, poiché le compagnie aeree e gli aeroporti sono tornati in marcia dopo il COVID.

Più di un milione di bagagli sono stati almeno temporaneamente persi compagnie aeree statunitensi tra gennaio e giugno di quest’anno, i dati ufficiali mostrano un tasso di 0,62 sacchi maltrattati rispetto a 0,44 nello stesso periodo dell’anno scorso.

Il numero di viaggiatori segnalati bagaglio perso è aumentato del 30% quest’anno, rispetto al 2019, secondo la compagnia assicurativa spagnola Mapfre.

Durante quella che alcuni hanno soprannominato “l’estate dei bagagli smarriti”, i media sono stati pieni di storie straordinarie di viaggiatori che facevano il possibile per recuperare i propri effetti personali. Ne guardiamo indietro alcuni qui e seguiamo la tendenza della stagione.

L’ascesa della nel rintracciare i bagagli smarriti

L’app “Trova il mio iPhone” di Apple è stata lanciata più di un decennio fa e ha aiutato innumerevoli persone a ricongiungersi con i loro smarriti o rubati. A settembre 2019 il gigante della tecnologia ha aggiornato il suo servizio in un’app “Trova il mio” più generale per tutti i suoi dispositivi. Si è rivelato molto utile per i viaggiatori.

UN British Airways il passeggero che ha lasciato i suoi Airpod su un volo dal Texas a Londra a giugno ha trascorso settimane a guardarli muoversi con il sospetto ladro tramite l’app Trova il mio.

Un altro uomo ha volato più di 4.000 miglia e ha speso £ 2.300 (€ 2.656) per recuperare gli auricolari che ha perso durante un volo, dopo averli inseguiti in giro per il mondo per cinque mesi.

“Non mi aspettavo davvero di riaverli indietro e ho scherzato sul fatto che volare a Doha per prenderli è la cosa più meschina che abbia mai fatto”, ha detto al sito di notizie JOE. “Ma è semplicemente fantastico che siamo riusciti a trovarli – e ora non ho bisogno di comprarne un nuovo paio!”

Ovviamente è improbabile che la maggior parte delle persone riponga i propri Airpod durante un volo. È un nuovo dispositivo che ha davvero decollato quando si tratta di trovare valigie incagliate: l’Airtag.

ha lanciato lo scorso aprile il suo dispositivo di localizzazione: un minuscolo gadget delle dimensioni di una moneta da 1 euro, progettato per aiutare le persone a tenere traccia di chiavi, borse e altri oggetti di valore.

Il dispositivo connesso tramite Bluetooth funziona inviando un segnale sicuro che può essere rilevato dai dispositivi nella rete “Trova il mio”, che quindi invia la posizione del tag a iCloud dove può essere visto sull’app Trova il mio del telefono, a condizione che tu prima registrato lì.

Ad agosto, un Airtag ha aiutato con il trasporto della giustizia in quando ha portato all’arresto di un impiegato di una compagnia aerea accusato di aver rubato migliaia di dollari di oggetti nel bagaglio.

Un’indagine è stata avviata dopo che un passeggero ha riferito che la sua borsa non è mai arrivata alla destinazione finale. Un Airtag nella sua valigia ha portato la polizia a del lavoratore della compagnia aerea.

Dovremmo essere cauti nell’usare Airtags?

Data l’ondata di bagagli smarriti, è comprensibile che le persone stiano diventando più esperte di tecnologia e lodano l’aumento del vigilantismo che questi dispositivi ispirano.

Ma sapere dove si trova la tua borsa non ti fa tornare indietro più velocemente, e c’è anche un lato oscuro negli Airtags. Gli enti di per abusi domestici hanno notato un allarmante aumento degli stalker che li usano per tenere d’occhio i loro ex partner, nascondendoli ad esempio in auto e cappotti.

“Ho visto Airtags in vendita nel mio supermercato locale”, ha detto Emma Pickering dell’organizzazione benefica Refuge Custode. “Le persone li vedono, pensano a tracciare di più e il concetto di tracciamento diventa più consolidato. Lo stiamo normalizzando”.

Come sempre, è importante pensare al rovescio della medaglia di invitare troppo saldamente le nuove tecnologie nelle nostre vite, quando le normative e gli standard di sicurezza spesso restano indietro.

Per quanto frustrante e pericoloso possa essere lo smarrimento del bagaglio – per chi trasporta attrezzature mediche – vale anche la pena ricordare che assediato personale della compagnia aerea è molto più probabile che siano dall’altra parte dell’equazione rispetto a un ladro volubile.

Anche un tocco fa molto. La scrittrice berlinese Erin Porter è stata in grado di aiutare a recuperare la borsa smarrita di suo suocero seguendo i consigli che ha trovato su un gruppo di consulenza di Facebook chiamato BER Airport security and check-in.

“Le persone hanno riferito che stavano avendo successo andando al banco dei bagagli smarriti e chiedendo l’elemosina o tormentandosi per entrare nel deposito bagagli per trovare loro stessi i bagagli”, ha scritto.

“Dopo aver aspettato più di un’ora in fila, mio ​​marito è stato preparato con le informazioni che aveva sulla borsa, sul volo e persino su un Vollmacht (permesso) da suo padre.” Sono stati ammessi al deposito bagagli e l’hanno trovato in 30 minuti, dimostrando che un’etichetta del bagaglio vecchio stile non è certo sopravvissuta alla sua utilità.

Perché così tante borse sono scomparse?

L’aeroporto di Heathrow ha fatto notizia a giugno, quando a cumulo di bagagli smarriti ha iniziato a puzzare nel Terminal 2.

In questo caso è stato incolpato un errore tecnico con il sistema di scansione del bagaglio dell’aeroporto, ma sono le compagnie aeree a essere responsabili della maggior parte del viaggio del tuo bagaglio.

La sicurezza degli aeroporti scansiona il bagaglio in uscita, ma il resto del processo è gestito dalle compagnie aeree e dai loro assistenti a terra che effettuano il check-in del bagaglio, lo caricano e lo scaricano dagli aerei e lo riconsegnano nelle sale bagagli per il ritiro delle persone.

La maggior parte dei bagagli che scompaiono sono i bagagli di che perdono la coincidenza, o perché il primo volo è in o perché la compagnia aerea non dispone del numero necessario di assistenti a terra.

Il personale di terra ha lottato particolarmente precario condizioni di lavoro negli ultimi due anni e, come altri nel settore dell’aviazione, hanno fatto ricorso allo sciopero quest’estate, aumentando ulteriormente il caos dei viaggi e dei bagagli.

Tuttavia, è anche fondamentale che gli aeroporti rimangano aggiornati. Heathrow sta cercando di sostituire il suo sistema bagagli del Terminal 2, che ha più di 50 anni.

Un portavoce dell’aeroporto aggiunge che oltre il 99% dei bagagli ha viaggiato con i propri proprietari negli ultimi cinque anni.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare