Situazione Covid-19 in Europa: è corsa per contenere il contagio

La situazione Covid-19 in Europa ha spinto Euronews ha recentemente commissionato in maggioranza gli italiani sarebbero disposti ad affrontare un nuovo lockdown per far scendere di nuovo il tasso di contagio, in attesa del vaccino. Come nel resto d’Europa anche in Italia, che vanta una situazione generale migliore, il clima non è dei più gioiosi e comunque tutti sperano che non ci sia bisogno dei bloccare di nuovo il paese.

Economia ancora giù

In termini di ristorazione, tempo libero e turismo, a causa della prevalenza dell’infezione da Covid-19, sta arrivando un giorno buio. Decine di migliaia di aziende sono in pericolo e queste industrie non sono destinate a beneficiare della ripresa economica. Confcommercio ha lanciato l’allarme in un rapporto sulla situazione economica. Lo studio spiega: “Il quarto trimestre si basa sulla dinamica del contagio, che porta nuove e profonde incertezze”.

Di conseguenza, “vitalità” e turismo “non saranno influenzati dalla ripresa del PIL.” Influenze “. Si stima che la crescita ciclica di questo prodotto in ottobre sia dello 0,9%, il che significa una diminuzione del 5,1% all’anno.

Situazione Covid-19 in Europa: tutti sulla stessa barca

La situazione Covid-19 in Europa sta spingendo molti Paesi ad adottare misure di contenimento, anche se l’entità è più contenuta rispetto alla primavera, ma può nuocere alla ripresa internazionale, soprattutto per i partner commerciali più vicini come l’Italia.

Gran Bretagna

Più della metà della popolazione britannica è stata soggetta a restrizioni più severe sul coronavirus.

A mezzanotte di venerdì, la capitale britannica è stata posta al secondo livello di allerta più alto, vietando a persone di famiglie diverse di riunirsi.

Nel nuovo sistema di allarme gerarchico adottato dal governo, anche l’area del Lancashire ha ricevuto le misure più severe. Tuttavia, i funzionari locali hanno rifiutato di accettare il pacchetto fiscale del governo per attuare misure mirate nelle aree con i più alti tassi di infezione.

Situazione Covid-19 in Francia

In Francia le cifre della Santé Publique dicono che da venerdì scorso sono stati 25.086 i contagi per Covid-19, una cifra inferiore di alcune migliaia al record di oltre 30.000 di giovedì. Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 122 fra ospedali, case di riposo e istituti per disabili. Il totale delle vittime dal 1 marzo sale a 33.303.

In Francia, i dati di Santé Publique dicono che da venerdì ci sono stati 25.086 casi di infezione da Covid-19, poche migliaia in meno rispetto al record di 30.000 di giovedì.

Nelle ultime 24 ore, 122 persone sarebbero morte in ospedali, case di cura e strutture per disabili. Dal 1 marzo, il numero totale delle vittime è aumentato a 33.303.

Polonia

Il primo ministro polacco ha annunciato che, se possibile, le persone dovrebbero “rimanere a casa” perché ha annunciato una serie di restrizioni nelle principali città per frenare l’aumento record dei casi di malattie infettive. Mateusz Morawiecki ha suggerito “chiunque possa lavorare da remoto” tramite un collegamento video, poiché la Polonia ha rilasciato un nuovo record giornaliero di 24 ore che ha registrato 8.099 casi di coronavirus.

Da sabato entreranno in vigore le nuove restrizioni a Varsavia e in altre grandi città, che ora saranno considerate parte dell’area “rossa”. Tutte le scuole secondarie di queste aree saranno chiuse e le attività di apprendimento a distanza proseguiranno.

Image: Getty Images