Secondo uno studio, sentirsi soli e depressi potrebbe accelerare l’invecchiamento più del fumo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Secondo uno studio, sentirsi soli e depressi potrebbe accelerare l'invecchiamento più del fumo

È già noto che essere soli può essere dannoso per la salute psicologica.

Ma potrebbe anche influire sulla tua salute , in particolare accelerando il processo di invecchiamento del tuo corpo.

Questo secondo un nuovo studio, che ha scoperto che la aumenta l’età biologica delle persone più del fumo regolare.

Lo studio ha utilizzato un “ dell’invecchiamento” di apprendimento profondo per testare il sangue e i biometrici di quasi 12.000 adulti cinesi.

I ricercatori dietro lo studio, guidati dalla società di biotecnologie Deep Longevity, hanno affermato di essere rimasti sorpresi nel vedere l’impatto che i fattori psicologici potrebbero avere sull’invecchiamento, rispetto a fattori fisici consolidati l’abitudine al fumo.

Cos’è un orologio che invecchia?

Un orologio dell’invecchiamento è un modello statistico che misura l’età biologica, piuttosto che l’età cronologica, ovvero l’età di una persona in base alla data di nascita.

Cercando una combinazione di 16 biomarcatori del sangue, sette parametri biometrici e il sesso biologico del partecipante, l’orologio ha creato una previsione dell’età.

“Un orologio che invecchia è un modello digitale di invecchiamento addestrato su migliaia di campioni umani”, ha detto a Euronews Next Fedor Galkin, Lead Scientist di Deep Longevity.

“Impara a identificare le impronte dell’invecchiamento ispezionando i profili dei biomarcatori annotati con l’età cronologica. Quindi, può stimare l’età di una persona guardando i suoi biomarcatori”, ha detto.

“Si scopre che se una persona viene riconosciuta da questo modello come una persona anziana, i suoi processi di invecchiamento molecolare vengono accelerati. Questa proprietà può essere utilizzata per prevenire l’insorgenza di malattie legate ’invecchiamento o per trovare il modo di rallentare l’invecchiamento”.

I ricercatori hanno affermato che i più importanti predittori dell’età erano la pressione sanguigna, la cistatina C (una che segnala la salute dei reni), l’indice di massa corporea (BMI) e la spirometria (capacità polmonare).

Dopo aver analizzato i dati di 11.914 adulti cinesi, l’orologio ha determinato che il fumo aggiungeva circa 1,25 anni di invecchiamento.

I sentimenti di solitudine, tuttavia, potrebbero aggiungere 1,65 anni di invecchiamento.

Tuttavia, non è stata quella sensazione da sola a contribuire a questa accelerazione dell’invecchiamento, ma piuttosto un intero insieme psicologico progettato per misurare il benessere che includeva anche paura, disperazione, depressione, infelicità e sonno scarso.

È stato inoltre riscontrato che coloro che non sono mai stati sposati sono invecchiati di 0,35 anni in più a causa del loro status di single, mentre le persone che vivono nelle zone rurali sono invecchiate di 0,39 anni in più.

“La è un fattore determinante per l’invecchiamento”

“C’è un ampio corpus di ricerche su come la salute mentale e fisica è collegata, comprese le loro traiettorie di invecchiamento comuni”, ha affermato Galkin.

“La parte sorprendente è che, a differenza di altri progetti di , questo collegamento può essere osservato utilizzando tipi di dati molto semplici. Un’altra sorpresa è il modo in cui parametri psicologici d’impatto possono essere paragonati a un consolidato fattore pro-invecchiamento, come il fumo”.

Manuel Faria, un altro autore dell’articolo, ha affermato che “gli stati mentali e psicosociali sono alcuni dei più robusti predittori dei risultati sanitari – e della – ma sono stati in gran parte omessi dall’assistenza sanitaria moderna”.

Ha affermato che l’aspetto psicologico dell’invecchiamento non dovrebbe essere trascurato né nella ricerca né nelle applicazioni pratiche contro l’invecchiamento.

Gli autori hanno concluso che, data la forte connessione tra stati psicologici e invecchiamento, la cattiva salute mentale deve essere riconosciuta come uno dei principali fattori di invecchiamento.

“Questo studio pone le basi per i nuovi strumenti che possono aiutare a invertire l’invecchiamento sia psicologico che biologico e migliorare il benessere allo stesso tempo”, ha affermato Alex Zhvaoronkov, fondatore e CEO di Insilico Medicine e coautore dell’articolo .

“Sia le organizzazioni che i governi trarrebbero vantaggio da una maggiore produttività e dalla riduzione dei costi sanitari derivanti dall’ottimizzazione dell’età psicosociale e biologica”.

Il lo studio è pubblicato sulla rivista Aging-US.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare