Barcellona Calcio nel caos: in carcere l’ex presidente Bartomeu

Una settimana prima delle elezioni presidenziali, la società Barcellona Calcio a era nel caos. Lunedì scorso, la polizia catalana “Mossos d’Esquadra” ha arrestato l’ex presidente Joseph Maria Bartomeu, che si è dimesso il 27 ottobre dello scorso anno, e altri tre dirigenti del club: il direttore esecutivo del club Oscar Grau e il membro del Congresso Romer Romà Gómez Ponti, avvocato ed amministratore capo. di servizi legali a Mas Ferrer e MP Bartomeu.

Barcellona Calcio

I quattro sono stati accusati di corruzione e amministrazione falsata. Gli investigatori sospettano di aver utilizzato i fondi dell’azienda per pagare una società specializzata nella creazione di contenuti online, lanciando così una campagna sui social network contro alcuni calciatori che lo hanno criticato, tra cui Messi e Pique, ma hanno anche deriso gli ex dipendenti del club.

Come uno dei tre candidati alla presidenza, gli allenatori Pep Guardiola e Joan Laporta (è stato presidente dal 2003 al 2010). Secondo le informazioni divulgate da Cadena Ser a gennaio 2020, il club avrebbe sottratto più di 3,5 milioni di euro dal proprio conto aggirando tutti i controlli legali e finanziari interni per finanziare le operazioni: al club infatti sono stati effettuati sei pagamenti a favore di La soglia economica, partendo dall’importo del bonifico di 200.000 euro ogni volta, evita di dover essere sottoscritto dal consiglio di amministrazione per autorizzare il pagamento.

Si stima che il costo di produzione di questo contenuto da parte del club sia sei volte superiore al prezzo normale.

Image:Getty Images